in

Sondaggi Emilia Romagna: Stefano Bonaccini ancora avanti a Lucia Borgonzoni

Le elezioni regionali in Emilia Romagna sono sempre più vicine: manca poco più di un mese all’appuntamento che potrebbe decretare la fine dell’esecutivo giallo-rosso. Secondo gli ultimi sondaggi elettorali effettuati da Emg Acqua per Agorà, la trasmissione in onda su Rai 3, Stefano Bonaccini conduce ancora la battaglia contro Lucia Borgonzoni. Oggi, in base al risultato su Rousseau, si conoscerà finalmente anche il nome del candidato del Movimento 5 Stelle.

Ultimi sondaggi elettorali Emilia Romagna, i dati:

Ecco i dati raccolti da Emg Acqua per Agorà:

  • Stefano Bonaccini, Partito Democratico: 46,5%
  • Lucia Borgonzoni, Lega: 44%
  • Movimento 5 Stelle: 5,5%
  • Altri: 4%

Stando ai numeri rilevati negli ultimi sondaggi elettorali sull’Emilia Romagna, il governatore uscente conferma la sua posizione nella corsa alla ricandidatura come presidente della Regione. Legato al Partito Democratico, Bonaccini probabilmente sta trovando la sua forza nel non concentrare la campagna elettorale solamente sul partito, ma di elevare in particolare la sua figura e il lavoro fatto durante il suo mandato. Dall’altra parte, Lucia Borgonzoni invece fatica a emergere se staccata dalla Lega: se la campagna dovesse continuare in questo senso, i voti raccolti dal candidato dem sarebbero guadagnati non perché parte del Partito Democratico, ma proprio per il consenso conquistato fino a questo punto. Al momento quindi sono 2,5 i punti che distaccano i due contendenti alla poltrona regionale, non rimane che attendere il nome del candidato pentastellato per vedere come reagiranno i sondaggi una volta che si inserirà la terza forza in corsa.

ultimi sondaggi emilia-romagna

Ultimi sondaggi elettorali e scenario politico

Il sondaggio realizzato da Emg Acqua ha preso in considerazione anche le intenzioni di voto degli italiani sul piano nazionale, ed è emerso che durante la settimana quasi tutti i partiti hanno perso consensi, tranne uno. L’unica forza in costante crescita da ormai alcune settimane infatti è Fratelli d’Italia, che anche oggi rimane sopra al 10%. Primo partito si conferma la Lega con il 32%, segnando quindi un calo dal punteggio record conseguito alle elezioni Europee del 34%. Segno meno anche per il Partito Democratico, che tuttavia non perde consensi in modo significativo e chiude la settimana con il 19,3%. Non si può dire lo stesso del Movimento 5 Stelle che perde per strada circa lo 0,6% e crolla al 15,7%, numeri drammatici se si paragonano a quelli di partenza delle elezioni del 2018. Quarto posto in classifica per Fratelli d’Italia al 10,4%, Forza Italia cala ancora dello 0,2% e va al 6,7%. Perde lo 0,1% anche Italia Viva di Matteo Renzi, che si ferma così al 5,2%. Più indietro tutti gli altri partiti, con Azione al 2% insieme a +Europa, La Sinistra all’1,9%, Europa Verde all’1,5% e Cambiamo all’1%.
Un’altra domanda che è stata posta ai cittadini italiani durante la rilevazione è la possibilità di avere com futuro premier o come futuro presidente della Repubblica una donna. A questo, il 74% si dice a favore, mentre solamente il 7% non sarebbe d’accordo e il 19% preferisce non rispondere.
Tutti questi numeri creano lo schizzo del quadro che si creerà da gennaio in poi: le elezioni in Emilia Romagna, se dovessero vedere primeggiare la candidata leghista Borgonzoni, potrebbero segnare ufficialmente la caduta del governo, consegnando le chiavi di un altra regione nelle mani di Matteo Salvini. Sono elezioni complesse: nei centri più grandi come Bologna sembra essere radicata l’idea di mantenere l’indirizzo di voto verso il dem Bonaccini, ma nelle province più piccole la Lega ha già conquistato molte città. Sarà una sfida molto tosta, e le pulizie del dopo festa probabilmente spetteranno solamente all’esecutivo giallo-rosso che, in tutti i casi, ne uscirà ammaccato. Già la risoluzione della maggioranza al Mes sta creando della confusione tra i palazzi della politica, riuscirà il governo a gestire l’ennesima emergenza?
Secondo il 40% degli italiani, si dovrebbe tornare al voto, mentre secondo il 38% l’esecutivo dovrebbe andare avanti fino alla fine della legislatura. Inoltre, il 10% preferirebbe che questo governo cadesse e se ne formasse un altro, evitando però nuove elezioni, mentre il restante 12% ha scelto di non rispondere.

>> Tutti gli ultimi sondaggi elettorali

Annalisa Scarrone Instagram

Annalisa Scarrone Instagram, shorts microscopici e tacchi alti: «Che pantera!»

Pamela Prati

Pamela Prati Instagram, eros alle stelle: lo scatto allo specchio è bollente