in ,

Spagna, “l’aborto è sacro!”: Femen lanciano addosso al vescovo i loro vestiti

La nuova legge spagnola sull’aborto sta scatenando la furia delle donne di mezza Europa, unite in una protesta corale che è iniziata sabato in tarda mattinata a Madrid, in piazza Atocha, per poi diffondersi nelle grandi capitali Parigi, Londra e, in Italia, principalmente a Roma e Milano.Femen in Spagna

Si tratta della così detta riforma Gallardon, dal nome del ministro della Giustizia del governo Rajoy, tanto contestata perché limita fortemente l’interruzione volontaria di gravidanza e la consente solo in caso di stupro o di rischio per la salute fisica o psichica della donna. L’urlo di protesta femminista “Yo decido” (decido io) rivendica il diritto per la donna di decidere – liberamente e senza intromissione alcuna da parte del potere politico- se fare ricorso o meno all’aborto in caso di gravidanza indesiderata.

Alla protesta contro una legge giudicata “un’imposizione medievale”, si è unito anche il grido di condanna di un gruppo di Femen che si è denudato gettando i propri indumenti addosso all’arcivescovo di Madrid, il cardinale Antonio Maria Rouco Varela. Quando ieri sera Varela si apprestava a celebrare la messa, mentre entrava nella chiesa di San Justo e Pastor, nel centro della capitale, il gruppo delle attiviste formato da 5 donne lo ha bloccato e, denudandosi pubblicamente, gli ha urlato contro “l’aborto è sacro!”. Senza niente replicare, dopo un iniziale momento di sbigottimento è poi rientrato in chiesa, e le Femen sono state allontanate dalle forze dell’ordine tra gli applausi dei passanti che avevano assistito al lancio degli abiti sul vescovo.

gemelle coreane si ritrovano dopo 27 anni

Gemelle separate alla nascita si ritrovano dopo 27 anni grazie a YouTube e Facebook

Mario Balotelli

Mercato, Milan: futuro inglese per Balotelli?