in ,

Spagna: spunta il figlio illegittimo di Juan Carlos, a lui la corona

La fama di donnaiolo di re Juan Carlos potrebbe avere delle conseguenze inaspettate sull’eredità del trono spagnolo: stando alle ultime indiscrezioni lanciate dal quotidiano El Paìs, la corona non spetterebbe al figlio Felipe, nato dal matrimonio con Sofìa, bensì ad un figlio illegittimo e mai riconosciuto. Pare, infatti, che il primo figlio maschio di Juan Carlos sia proprio quest’ultimo: egli si chiama Albert Solà, 58 anni, lavora come cameriere e dal 2001 ha avviato una dura battaglia legale per rivendicare le sue origini aristocratiche.

juan carlos re di spagna

Finora sovrano “inviolabile”, Juan Carlos ha sempre rifiutato la richiesta di Solà di sottoporsi al test del Dna per provare la sua paternità. Ora che il re spagnolo ha abdicato in favore del figlio legittimo Felipe, le cose potrebbero però cambiare. Qualora venisse dimostrato che Albert Solà è figlio del re di Spagna, egli sarebbe l’erede naturale al trono, in quanto primogenito. Insieme Solà, anche la massaggiatrice belga Ingrid Sartiau, 48 anni, ha presentato istanza per il riconoscimento: la donna sarebbe stata concepita nel 1966 a Lussemburgo, durante una delle tante scappatelle extraconiugali di Juan Carlos.

A sconvolgere non è tanto il colpo di scena, considerata che la battaglia legale di Solà va avanti da ben 13 anni, bensì la sua travagliata storia: nato nel 1956 dalla relazione tra Juan Carlos con la catalana María Bach Ramón, proveniente da una famiglia di banchieri, egli sarebbe stato separato dalla madre e dato in adozione ad una famiglia di Gerona. L’eterna lotta per scoprire le sue origini e il suo attuale stipendio da 800 euro al mese come cameriere non possono che lasciare l’amaro in bocca immaginando quella che sarebbe dovuta essere la sua vita, se un re avesse avuto il coraggio di far vincere la verità su tutto…

suor cristina scuccia the voice

Suor Cristina, l’inedito non decolla e Universal smentisce sul disco

Cristiano Ronaldo; Maravilla facebook1

Mondiale 2014: Del Bosque teme il Portogallo di Ronaldo e non solo