in ,

Sparatoria Tribunale Milano: il killer stava correndo ad ammazzare qualcun altro

Il killer che stamane ha seminato il panico al Tribunale di Milano uccidendo 4 persone e ferendone svariate voleva uccidere ancora. Il suo folle piano di vendetta è stato fermato dalle forze dell’ordine a Vimercate; lì Giardiello si era recato per infierire anche contro uno dei suoi ex soci.

Pieno di livore e intenzionato a orchestrare una folle vendetta l’uomo, una volta fermato, ha confessato pienamente le proprie responsabilità svelando anche l’intento di uccidere ancora per regolare i conti, a suo modo di vedere. Alfano ha commentato così la vicenda: “Quello che è successo a Milano è qualcosa di gravissimo e inaccettabile, che non doveva succedere. L’arresto è stato merito del sistema di videosorveglianza che ci ha permesso di individuare la targa e arrivare all’uomo.

Frattanto il procuratore di Brescia Bonanno, incaricato di seguire le indagini ha dichiarato: “La strage è stata il frutto di una fredda premeditazione“.

Agosto 2015

Viaggi Agosto 2015 offerte, low cost e mete inaspettate

California

Sparatoria a Milano: Claudio Giardiello è un eroe per molti utenti di Facebook