in

Spesa gratis? In Danimarca arriva Freemarket: prodotti in regalo in cambio di pubblicità sui social network

Spesa gratis? In Danimarca è possibile, ma solo se il cliente sponsorizza i prodotti acquistati sui social network. L’idea di startup partorita da Simon Taylor si è trasformata in un luogo fisico proprio intorno a metà agosto, quando nel quartiere Frederiksberg di Copenaghen ha aperto i battenti Freemarket, il negozio pronto a rivoluzionare il modo classico di fare acquisti.

spesa al supermercato danese gratis 2014

Come funziona? Per poter acquistare i prodotti, oltre ad essere iscritti al sito web del negozio, è necessario scattare una fotografia agli stessi e condividerla sui vari social network, corredandola di giudizio e descrizione. Le aziende che espongono i prodotti devono versare una quota al negozio, mentre i clienti sono tenuti a pagare una sorta di tesseramento mensile pari alla cifra irrisoria di 2,5 euro. Una forma di vendita e pubblicità alternative, insomma, che reinterpreta i principi del marketing all’epoca del 2.0 accontentando sia l’acquirente – che si porta a casa la spesa praticamente gratis – sia l’azienda, che riesce ad allargare il potenziale bacino di clienti grazie al passaparola tra internauti.

Per il momento la filosofia sta riscuotendo un discreto successo, visto che nel giro di poche settimane i clienti sono passati da 5.000 a 10.000. E nel futuro? La prospettiva è quella di aprire altri negozi della stessa catena in Finlandia e in Svezia nel 2015 e nel Regno Unito nel 2016.

(fonte: La Repubblica)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Benitez allenatore del Napoli

Napoli news: aneddoti sul mercato da parte di Reggiani

Strage elefanti in Indonesia

Indonesia, strage di elefanti: sterminati perché disturbano piantagioni di palma da olio