in ,

Spice Girls Wannabe, a 20 anni dall’uscita del singolo cult della musica pop ecco 5 curiosità che non sapevi

8 luglio 1996-8 luglio 2006. Sono passati 20 anni dalla pubblicazione del primo grande singolo delle Spice Girls, Wannabe, traccia diventata in pochissimo tempo cult in Gran Bretagna e in tutto il resto del mondo. Le cinque bellissime ragazze hanno rivoluzionato la scena pop con i loro balletti, i loro vestitini attillanti, i loro esilaranti video-clip. Sono durate, insieme, forse fin troppo tempo: si sono sfaldate piano piano, sciolte come neve al sole. Ma il loro periodo è una parentesi storica che ha segnato due generazioni: adolescenti e giovani degli anni ’90 che si sono scatenati a ritmo di musica nelle discoteche sulle note di Wannabe e altri grandi successi. Per spegnere le candeline dei 20 anni ecco di seguito 5 incredibili curiosità sulle Spice Girls e la loro carriera discografica.

>>> LE ULTIME SUL MONDO DELLA MUSICA CON URBANPOST

IL LORO VERO NOME
1) Il primo nome scelto era Touch e il gruppo si fondò ufficialmente nel 1994 a Londra. Solo il brano che oggi compie vent’anni, Wannabe, le fece conoscere al mondo musicale con il nome di Spicegirls. 

LA QUINTA GIRLS
2) Michelle Stevenson. Vi dice qualcosa questo nome? Beh, si tratta della quinta girls che lasciò le ragazze per problemi familiari: venne sostituita inizialmente da Abigail Kis, costretta a rinunciare per motivazioni personali e si riteneva fin troppo giovane per questo compito. Toccò allora a Emma Bunton, seconda scelta delle audizioni del management.

>>> LE ULTIME SUI CONCERTI IN ITALIA

TONY BLAIR E LE SPICE GIRLS
3) Lo sapete che Tony Blair doveva essere il super-ospite delle Spice Girls nel video-clip di Wannnabe? Sfortunatamente per le cinque ragazze, però, il volto noto della politica britannica declinò l’inito.

VICTORIA, LA LEADER INDISCUTIBILE
4) La signora Beckham, Victoria, ha sempre incarnato lo spirito di leader all’iterno del gruppo tanto da incoraggiare la giovane Geri al primo concerto live della loro storia: “Tranquilla – disse Victoria – sono qui per vedere i tuoi capelli cotonati e le tue grandi tette.”

>>> METTI MI PIACE A URBANSPETTACOLO

MAMMA BUNTON E LE ARTI MARZIALI
5) Le mosse di arti marziali in Say You’ll Be There furono frutto del caso? Assolutamente no, la mammam di Emma Bunton era un’insegante di questa disciplina e imparò loro le giuste mosse per conquistare il pubblico. Si potrebbe dire: missione compiuta.

Quarto Grado facebook

Quarto Grado stasera anticipazioni: Maria Ungureanu ultime notizie

sciopero trasporti

Sciopero trasporti pubblici 10-11 luglio, ecco dove: orari e fasce di garanzia