in

SPID Agid, servizi pubblici online: dal pagamento delle bollette alla sanità con Pin unico

La Riforma della Pubblica Amministrazione che permetterà di velocizzare la gestione dei servizi online, offerti dalla stessa PA, è stata approvata con ben 145 voti a favore, a discapito dei 97 riscontri negativi. Ciò si traduce con grandi novità, dal fisco alla sanità, per i singoli cittadini, a partire dai primi mesi del 2016, anno di svolta per lo SPID: “Da gennaio” – fa sapere il ministro Marianna Madia su Twitter “credenziali uniche per l’accesso ai servizi online”, riferendosi alla possibilità di risolvere online pratiche burocratiche che spaziano dal pagamento delle bollette e delle tasse, fino al check sui referti medici. 

Per ora, l’Agid, ovvero l’Agenzia per l’Italia digitale ha definito idonee a gestire lo SPID Telecom, PosteItaliane e Infocert, in qualità di identity provider, il che si traduce come gestori del Pin unico. Tre caratteristiche messe in risalto dalla nuova riforma che riguarda il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale, lo SPID appunto, rientrano senza dubbio la trasparenza amministrativa e la possibilità di accedere liberamente ai dati e ai documenti della PA. In questo modo, sono oltre 300 i servizi della PA ai quali si può accedere online.

L’Agid ha inoltre specificato che la Riforma della PA ha portato ad “un percorso che entro 24 mesi porterà tutta la pubblica amministrazione a permettere l’accesso ai propri servizi digitali tramite credenziali uniche SPID”. Nel 2016, saranno Piemonte, Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Agenzia delle Entrate, Inps, Inail e il Comune di Firenze i primi ad intraprendere tale cammino.

Image credit: esanitànews

palermo arrestata donna per propaganda web al qaeda

Palermo, arrestata ricercatrice universitaria: faceva propaganda web per al-Qaeda

Atalanta everton diretta TV

Calciomercato Fiorentina News: Papu Gomez e Lisandro gli obiettivi per gennaio