in ,

#SpiritiLiberi: il viaggio di Falconeri fra i luoghi incontaminati diventa un contest

Vi sentite un po’ #SpiritiLiberi? Allora non potete non partecipare a #SpiritiLiberi, ovvero il nuovo contest social lanciato da Falconeri, il noto marchio italiano che si distingue per qualità e stile nella produzione di maglieria in filati naturali pregiati. Da 16 settembre al 1 novembre 2015, per chi ama viaggiare, per chi ama esplorare i luoghi incontaminati e abbracciare la natura più selvaggia, ci sarà una possibilità in più.
È il viaggio, infatti, il protagonista, il sogno di vivere un’esperienza in grado di arricchire, far riflettere e aprire a nuovi orizzonti, e solo Falconeri ti permette di vincere esperienze uniche in tutto il mondo grazie al concorso #SpiritiLiberi.

falconeri

La nuova campagna pubblicitaria Falconeri, in cui le immagini scattate dal fotografo paesaggista Kilian Schönberger lasciano senza fiato, così come si vede nel video, rende omaggio al viaggio e agli spiriti liberi per eccellenza, quelli che amano realmente la natura e il fascino dei luoghi incontaminati.
Il contest premierà i primi tre classificati mettendo in palio un’incredibile avventura fra la Patagonia e la Terra del Fuoco, oppure l’Islanda, la splendida terra immortalata nel video che rimarca lo stretto legame tra il marchio stesso e la natura, o la Cappadocia, con la possibilità di sorvolare in mongolfiera i Camini delle Fate.

Basta avere con sé un capo Falconeri, iscriversi al contest nella sezione dedicata a SpiritiLiberi del sito Falconeri e poi scattare una foto in grado di esprimere il proprio carattere e la propria voglia di viaggiare, di vivere emozioni forti e di abbracciare la libertà, ma anche di reintepretare il mood Falconeri, pubblicando l’immagine su Instagram con l’hashtag ufficiale #SpiritiLiberi.

Qualificazioni Mondiali Russia 2018 2018

Argentina – Ecuador risultato finale: 0-2 highlights e sintesi qualificazioni Russia 2018

caso yara processo news

Caso Yara processo news, nuova udienza: la parola alla difesa di Massimo Bossetti