in ,

Sprechi alimentari dati Italia: le iniziative per non buttare il cibo

Il Politecnico di Milano stima che ogni anno si sprechino 5,1 milioni di tonnellate di cibo mentre secondo i dati Istat in Italia ci sono 5 milioni di persone che soffrono di “povertà alimentare” ovvero che non riescono ad avere un pasto completo dal punto di vista proteico almeno ogni due giorni. Sembra un paradosso che ci sia una parte di Paese che spreca gli alimenti e a fine giornata butta nella spazzatura cibo ancora commestibile mentre un’altra parte di Italia non mangia a sufficienza.

E’ anche da questi dati che è nato, per volontà di Fondazione Banco Alimentare e Caritas Italiana con il supporto del Ministero della Salute, un manuale che ha l’obiettivo di aumentare la raccolta di almeno 30 mila tonnellate di cibo nei prossimi tre anni. Da una parte evitare gli sprechi alimentari e dall’altra dare la possibilità di mangiare a chi è in difficoltà. Questa è solo l’ultima delle tante iniziative, dalla Family Bag alla spiegazione che anche alcuni cibi già “scaduti” sono ancora commestibili, per evitare i troppi sprechi alimentari.

A questo proposito stanno nascendo anche tante iniziative locali, legate alla volontà di piccole associazioni. Nella città di Como ad esempio, grazie ai volontari dell’associazione Siticibo e alla disponibilità della cooperativa Aclichef, è possibile il recupero dei pasti avanzati nelle mense scolastiche. Il cibo avanzato, di solito circa 50 porzioni al giorno, è infatti donato alla mensa dei poveri della città.

Credit Foto: SpeedKingz / Shutterstock

che cosa mangiare ciclo

Congedo mestruale: cos’è e come funziona

Aggiornamento iOS 9.3 ultime news

Aggiornamento iOS 9.3 uscita features news: ecco le novità sul sistema operativo targato Apple