in ,

Springsteen Tour 2016, il sold-out fa infuriare i fan e Trotta promette: “Presenterò un esposto in procura”

In una settimana, i fan di Bruce Springsteen, conosciuto meglio con l’appellativo “The Boss”, ne hanno vissute di tutti i colori. Prima l’esaltazione per il ritorno del musicista in terra italiana con il “The River Tour” con cui farà capolino a Milano il 3 luglio (Stadio San Siro) e a Roma il 16 dello stesso mese (Circo Massimo); poi le accuse nei confronti di Claudio Trotta, organizzatore dell’evento, per il prezzo dei tagliandi ritenuto eccessivamente esoso, fino alle lamentele di qualche ora fa per dei biglietti letteralmente “polverizzati”.

Insomma, i fan del “Boss” hanno dato vita a uno spettacolo sui social network che ha tenuto banco per tutta la settimana. Claudio Trotta, promoter del Tour di Springsteen per l’Italia, al momento dell’annuncio delle tappe italiane e dei relativi costi dei tagliandi, ha dovuto fare i conti con un mare di polemiche sulla propria pagina Facebook. “Prezzi aumentati del 55%” hanno commentato i fan del Boss letteralmente indignati o ancora: “Una vergogna, sono prezzi da élite altro che popolo, vergognatevi” fino a chiudere con  il: “Benzina e autostrada me li paga il Boss?” Dunque, dalla percezione dei giorni precedenti tutto ci si poteva aspettare tranne che il sold-out.

Ma si sa, l’italiano riserva sempre infinite sorprese e i biglietti per i concerti di Springsteen sono stati letteralmente “divorati”. Neanche un paio d’ore e i tagliandi sono stati esauriti facendo montare la rabbia di quei fan che, invece, per il “Boss” sarebbero disposti a fare qualsiasi cosa. Il costo del biglietto, per migliaia di fans, risulta secondario rispetto allo spettacolo offerto; peccato, però, dover fare una vera guerra per acquistare anche solo un tagliando su “Ticketone”. E Claudio Trotta, tramite la propria società, la Barley Arts, ha già fatto sapere di voler presentare un esposto in procura: “È normale che i fan siano scontenti: di media sono centocinquantamila, duecentomila, mentre per il prato la capienza massima è di settemila persone. Io, però, non accetto che i fan debbano rinunciare al concerto del Boss per favorire i bagarini: c’è chi vive per questo, acquista biglietti e li rivende su siti secondari a prezzi maggiorati facendo leva sui sentimenti del nostro pubblico.” Trotta, per andare incontro alle esigenze di chi è rimasto deluso, metterà a disposizione nella giornata di domani altri 17.000 tagliandi nelle rivendite tradizionali: noi siamo certi, anche questi saranno polverizzati.

Premier League

Premier League, Adam Johnson si dichiara colpevole: ha avuto rapporti con una minorenne

Dove vedere Inter-Crotone streaming gratis

Fantacalcio consigli 25a giornata Serie A: chi schierare secondo UrbanPost