in

Squadra antimafia anticipazioni prima puntata: il ritorno in gran stile di De Silva

Lunedì 8 settembre, in prima serata, su Canale 5, tornano le avventure del vicequestore Domenico Calcaterra alle prese con la criminalità organizzata in “Squadra antimafia 6”. Nella prima puntata della fiction tutto riparte dagli accadimenti dell’episodio finale della quinta stagione: Rosy Abate è distrutta per la morte del figlio Leonardino, ucciso con la complicità di Veronica Colombo. Mentre la boss Abate sarà protagonista soltanto nelle prime puntate, Veronica Colombo continuerà a muovere i fili dall’alto per tutta la sesta stagione.

anticipazioni squadra antimafia 6

Nella prima puntata di “Squadra antimafia 6”, Rosy Abate fugge dall’ospedale psichiatrico nel quale è stata ricoverata dopo la morte del figlio Leonardino. Durante la fuga la donna fa però un incontro inaspettato: Filippo De Silva è vivo ed è tornato ancor più potente di prima, a capo della nuova organizzazione mafiosa “Crisalide”. De Silva conduce la Abate presso il cimitero di Catania, dove è sepolto Leonardino. Qui i due avranno un’accesa discussione che riguarderà i loschi affari della “Crisalide”.

Intanto Veronica Colombo si trova in carcere, condannata per l’omicidio di Leornadino Abate e per concorso in associazione mafiosa. Anche dietro le sbarre l’ex sindaco continuerà ad essere coinvolta negli affari della mafia e a dettarne le regole del gioco. Infine, Domenico Calcaterra tornerà insieme alla sua squadra a Catania, dove un nuovo clan mafioso, i Ragno, minaccia la città.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Belen vie torre annunziata

Venezia, Belen Rodriguez si improvvisa critica: “Pasolini? Film pesante, nessuna magia”

Zaza del Sassuolo

Calciomercato Juventus news: per Simone Zaza pronto l’assalto a gennaio