in

Squalifica a Suarez per il morso a Chiellini: cacciato dal ritiro dell’Uruguay

Il Mondiale Brasile 2014 di Luis Suarez è finito sotto tutti i punti di vista. La squalifica per il morso a Giorgio Chiellini che lo terrà lontano dal campo per 9 partite con la nazionale Uruguayana e per b da tutte le competizioni, infatti, prevede che l’attaccante non si avvicini in alcun modo all’attività calcistica professionistica. Questo significa che per il momento non può nemmeno essere convocato dalla nazionale, quindi non può andare in panchina con i compagni e nemmeno entrare nel ritiro con loro. Il suo pass di accesso alla sede brasiliana della spedizione uruguaiana è stato revocato.

Luis Suarez morso

A conti fatti, tra le 9 giornate con la nazionale e le 13 partite che salterebbe con il Liverpool (rientrerà a fini ottobre in virtù dei 4 mesi di stop) e le squalifiche rimediate per morsi analoghi nel corso della sua carriera, fanno 35 giornate di espulsione. Real Madrid e Barcellona stavano concretamente pensanso di acquistarlo. Il club di Carlo Ancelotti aveva pronta un’offerta da 90 milioni di euro per Suarez. Il Barcellona vorrebbe inserirsi nella trattativa. Ma ora è tutto congelato.

Anche per queste ragioni gli sponsor stanno ragionando se mollarlo o meno: Adidas e 888, sito di casinò online, non sono più convinte che Suarez sia il degno testimonial dei loro prodotti. Lui, si dice, nel frattempo piange disperato. L’Uruguay tutto, dalla nazionale al Governo, lo difende.

 

concorso Miur insegnanti 2014

Gli insegnanti italiani? Precari e anziani, ma nonostante tutto motivati

ultime notizie mercato milan

Mino Raiola difende Mario Balotelli: “E’ disperato”