in ,

Squalifica Carolina Kostner, le sue dichiarazioni: “Sarà dura, ma mi rialzerò”

Dopo un iniziale silenzio, sicuramente carico di dispiacere, Carolina Kostner ha deciso di parlare della squalifica ricevuta ieri dal Tribunale nazionale antidoping. E non ci sta a passare per colpevole nonostante l’errore che le viene imputato è quello di aver protetto il suo fidanzato di allora, Alex Schwazer. Ecco le sue parole:

Ho visto che il Tribunale mi ha assolto dalla contestazione di omessa denuncia e credo che i giudici hanno capito che io con il doping non c’entro niente, ma questo non mi basta. Mi sento ferita e quello che mi infastidisce maggiormente è che il mio nome possa essere in qualche modo associato al doping, sapendo quanto io sia distante da questa pratica scorretta e sleale, pericolosa per la salute e, soprattutto, contraria allo spirito sportivo.

Schwazer era legato a Michele Ferrari, medico ferraresi già inibito per essere stato, secondo le autorità statunitensi, complice nell’ormai famosissima frode sportiva di Lance Armstrong. Carolina Kostner, secondo il tribunale sportivo italiano, avrebbe saputo del legame tra il suo ragazzo e Ferrari, ma avrebbe omesso di denunciare il fatto alle autorità sportive.

Non ho parole per descrivere la delusione, l’umiliazione e il dolore che provo come atleta e come persona. Ma ringrazio anche tutte le persone che mi sono state e mi sono vicine ed in particolare la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio e il suo presidente Andrea Gios, per l’affetto di cui sento di avere tanto bisogno e che mi darà la forza per continuare a combattere. Avere tante persone che mi credono mi conforta. Questa volta è veramente dura, ma mi rialzerò come ho fatto in tante altre occasioni.

A consolare la Kostner rimangono i molti messaggi dei fan, che le hanno scritto per manifestarle tutta la loro vicinanza.

prima puntata c'è posta per te 2015

C’è posta per te 2015, anticipazioni puntata 17 gennaio: fan in delirio per Alex Gadea

Lazio calcio news, Pioli: “Domani contro il Napoli è uno scontro diretto.”