in

Staffetta generazionale, da Luxottica a Banco Popolare: ecco chi la sta sperimentando e come

La staffetta generazionale continua a essere una delle misure più difficili da attuare sul mercato del lavoro. Mentre se ne continua a discutere, c’è già chi sta provando a mettere in atto questo meccanismo intelligente, che dovrebbe andare incontro a una duplice esigenza: quella di favorire il pensionamento anticipato di personale prossimo all’uscita dal mondo del lavoro e al tempo stesso l’inserimento di giovani preparati, pronti a fare il loro ingresso in azienda.

Come reso noto da LaStampa.it, a breve Banco Popolare potrà assumere e stabilizzare ben 180 giovani; risale proprio alla scorsa settimana, infatti, l’intesa tra la banca e le organizzazioni sindacali che ha permesso di accogliere 200 domande d’uscita presentate dai dipendenti, che si sommano ad altre 200 precedentemente autorizzate lo scorso 3 novembre dall’accordo di ristrutturazione (fino ad ora non evase per insufficienza di risorse). Il piano di assunzioni si compirà entro il 30 aprile 2017, mentre sarà concessa la possibilità di uscire dall’azienda a quanti matureranno i requisiti pensionistici entro il 30 novembre 2021.

La staffetta generazionale è stata messa in atto anche da Luxottica, a partire dallo scorso ottobre: nei prossimi 3 anni 100 dipendenti prossimi alla pensione potranno chiedere il part-time al 50%, mentre il gruppo si impegna ad assumere 600 giovani, attingendo prevalentemente dalle nuove leve che operano nelle sedi italiane del gruppo con contratti a tempo determinato.

Con l’augurio che altre aziende italiane possano seguire questo modello, che fa guadagnare in flessibilità e produttività.

In apertura: foto Press Master/Shutterstock.com

ROBERTA BRUZZONE SU CASO VANNINI

Omicidio Marco Vannini: la registrazione audio fatta dalla vicina dopo lo sparo

Probabili formazioni Coppa Italia

Coppa Italia, Lazio – Juventus: probabili formazioni e ultime news