in ,

Stangata per Apple, il produttore di iPhone sanzionato: dovrà pagare 13 miliardi, ecco perché

Stangata inflitta dall’Ue ad Apple. Il colosso informatico americano produttore di iPhone è stato sanzionato per dei presunti benefici fiscali ottenuti dall’Irlanda ritenuti “illegali”, e ora dovrà pagare la cifra record di 13 miliardi di euro in imposte arretrate.

Lo ha stabilito ed annunciato quest’oggi, martedì 30 agosto, la Commissione Europea dopo avere stabilito che “L’Irlanda ha garantito benefici fiscali illeciti” al colosso americano, che avrebbe “pagato un’aliquota fiscale pari ad appena l’1% dei suoi utili in Europa nel 2003, aliquota addirittura scesa allo 0,005% nel 2014”, precisa il comunicato Ue.

“Non è una punizione” – ha spiegato la commissaria europea alla Concorrenza, Margrethe Vestager, nell’annunciare la sanzione per Apple, che avrebbe beneficiato di un trattamento fiscale di favore da parte del governo irlandese – “sono tasse non pagate che vanno pagate”. E ora Cupertino dovrà restituire la somma con tanto di interessi.

Bruxelles aveva infatti avviato un’indagine sugli accordi fiscali di Apple in Irlanda nel 2014, pervenendo dunque alla decisione di sanzionare l’azienda di Cupertino che – voci di corridoio la darebbero come notizia certa – così come l’Irlanda avrebbe deciso di fare ricorso contro la decisione dell’Unione europea. Ne dà conferma anche l’Ansa: “L’Antitrust europeo chiede a Dublino di ‘stangare’ Cupertino per 13 miliardi di euro, l’Irlanda risponde che ricorrerà in appello. Mentre Apple in una nota spiega che la decisione “avrà profonde conseguenze sugli investimenti e posti di lavoro in Europa”.

Roma 2024 candidatura Olimpiadi 2024

Roma 2024, sondaggio Censis: i romani dicono sì alle Olimpiadi

candida, candida infezione, candida come si cura, candida cosa mangiare, candida cibi consigliati, candida cosa mangiare e cosa no, candida cosa non mangiare

Candida: cosa mangiare per combattere l’infezione