in ,

“Stanze al Genio” a Palermo, un viaggio nella casa museo delle maioliche italiane (FOTO)

Una delle 10 attrazioni da visitare assolutamente una volta arrivati a Palermo è la casa museo “Stanze al Genio”, che ospita una delle più grandi collezioni di maioliche italiane al mondo. Situato nel centro storico di Palermo nel quartiere Kalsa, all’interno di Palazzo Torre-Piraino, questo luogo, un po’ per la ricchezza degli interni, un po’ per i colori che risaltano subito agli occhi, rimane impresso per sempre nel cuore dei visitatori, che giungono da ogni parte del mondo per ammirare la vastità della collezione. Quattro secoli di storia che si articolano in 4 sale di grandezza media, con soffitti alti e decorati, il tutto arricchito da oggetti d’arredamento molto curati.

Attualmente sono 2650 le mattonelle raccolte dal collezionista Pio Mellina, curatore della Casa Museo insieme ad altri due soci, che ha deciso sette anni fa di rendere fruibile la sua imponente e preziosa collezione. Le maioliche provengono dalla Sicilia e dalla Campania  e ognuna di esse racconta un frammento di storia differente, che va dal 1500 al 1800. Ogni singola mattonella è frutto di un lavoro prezioso e delicato, durante il quale viene sottoposta a un restauro conservativo, evitando dunque l’utilizzo di cere o prodotti chimici che possano rovinare la loro bellezza. La collezione, assolutamente privata e non finanziata dal denaro pubblico, è gestita gratuitamente dall’associazione “Stanze al Genio”, che ha lanciato qualche mese fa una campagna di crowfunding.

Presto, grazie alle donazioni ricevute da singoli cittadini, visitatori e aziende, verranno aperte altre sale all’interno della casa museo, il che permetterà l’esposizione di altre 2000 maioliche. Non solo maioliche a casa di Pio Mellina, ma anche scatole di latta d’epoca, vecchi giocattoli, cancelleria e bottiglie d’inchiostro, il tutto assolutamente introvabile altrove. La sua dimora, condivisa con l’alto numero di turisti che ogni giorno affolla le sue sale, è assolutamente unica nel suo genere, compresa la location cinquecentesca. Visitare la collezione ha un costo di 7 euro a persona e ogni biglietto vale come tessera di affiliazione, che consente al turista o al cittadino di partecipare a tutti gli eventi collaterali organizzati dall’associazione. Un’esperienza emozionante ed estetica, resa tale non solo dalla collezione stessa ma anche dalla passione dei suoi fondatori.

Photocredit: Federica Raccuglia

Apple Tv 2015 presentata il 9 settembre con iPhone 7: rumors su prezzo e feature

feste del vino e dell'uva Romagna 2015

Feste del vino e dell’uva 2015 in Emilia-Romagna: dal Valtidone Wine Fest ai “giorni del Sangiovese”