in

Star rifatte: quando il botox peggiora la situazione

Da anni dilaga la botox mania tra le star di Hollywood, ma anche quelle nostrane sembrano non disdegnarla: i semplici seni rifatti, i lifting e le rinoplastiche non bastano più. A trionfare oggi è la ‘punturina’, che affascina dive navigate e nuove leve del mondo del cinema e della televisione.

rifatte-bruni

Sono sempre più numerose infatti le star hollywoodiane e quelle di casa nostra che sono ricorse alla chirurgia estetica: alcune sedute di botulino rendono la pelle del viso più omogenea e giovanile. Quello però di cui non tengono conto le tante attrici e i tanti attori che ricorrono al botox per cancellare i segni dell’età è che, proprio l’utilizzo di questo siero fa perdere quei segni distintivi a cui gli stessi divi devono la loro celebrità. Iniettando infatti il botulino nel viso, la pelle si distende, è vero, ma perde di mobilità, impedendo le espressioni facciali più semplice, come ad esempio il sorriso, con i risultati che è semplice immaginare.

Non sempre dunque il ricorso al botox ha dato i risultati sperati: alcune delle protagoniste che hanno fatto uso del botulino, col tempo, non hanno migliorato il loro aspetto; al contrario, lo hanno peggiorato. Le punturine magiche cui molte tra loro si sono sottoposte hanno finito per creare un effetto d’insieme in qualche caso grottesco, che ha peggiorato il loro aspetto, imbruttendole addirittura. Ne sono un esempio Hunter Tylo, interprete della soap opera americana Beautiful, in cui dà il volto a Taylor; ed ancora Carla Bruni, l’ex Premier Dame francese; Nina Moric, ex compagna di Fabrizio Corona; Donatella Versace, famosa stilista di alta moda; Nicole Kidman che, rendendosi conto del danno provocato al suo volto ha tentato di porre rimedio; o ancora Meg Ryan, oramai irriconoscibile.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Judi Dench

Mostra del Cinema Venezia 2013: Judi Dench incanta e commuove (Video)

compleanno kiko

Kiko: un compleanno da sogno per il pappagallo di Bellaria