in

Startup: finanziamenti per 50 milioni da Fondo Garanzia per le PMI

Finanziamenti per startup, a che punto siamo? Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha pubblicato il nuovo rapporto sui prestiti erogati alle imprese innovative: dal documento emergono 50 milioni di euro di prestiti erogati dal Fondo Garanzia per le PMI.

Il nuovo rapporto del MiseMinistero per lo Sviluppo Economico tende a fare un riepilogo di quelli che sono stati gli ultimi tre anni in tema “finanziamenti per le startup innovative”. In particolare, se la prima operazione di finanziamento bancario verso un’impresa innovativa facilitata dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese (FGPMI) risale al settembre del 2013, al 31 dicembre 2016 le operazioni ammontano a 1680 per un’erogazione complessiva di oltre 357 milioni di euro che ha coinvolto 1.117 startup. La notizia più interessante riguarda però gli ultimi tre mesi del 2016: dal 30 settembre 2016 sino alla fine dell’anno sono stati concessi finanziamenti coperti dal fondo di garanzia per le PMI per oltre 50 milioni di euro.

>>> TUTTO DAL MONDO DELLE STARTUP INNOVATIVE <<<

Nonostante la fatica emersa dai racconti degli startupper, quindi, sembra che il panorama dell’innovazione italiano sia in continua crescita e costante fermento. Per tutti coloro che ancora non lo conoscessero, ricordiamo che il FGPMI – Fondo Garanzia per le Piccole e Medie Imprese consiste nella concessione di una garanzia che può coprire fino al’80% del finanziamento, per un importo massimo di 2,5 milioni di euro per ciascuna PMI: in particolare, però, startup e incubatori certificati hanno la possibilità di richiedere l’intervento del prestito gratuitamente, semplicemente seguendo una procedura semplificata e a carattere prioritario. Per consultare il rapporto completo vi lasciamo alla pagina dedicata sul sito ufficiale del Mise.

Calciomercato Inter Gagliardini

Calciomercato oggi giocherebbero così, 1 febbraio: probabili formazioni Serie A 2016-2017

carta del docente istruzione 2017

Carta del Docente Istruzione 2017: ecco come utilizzare i 500 euro per l’aggiornamento professionale