in

Startup Italia innovative, Breading: no allo spreco alimentare aiutando gli altri

Nasce Breading, la startup innovativa in Italia, gratuita, che pensa agli sprechi di generi alimentari e permette il trasferimento e la distribuzione in eccesso verso chi ne ha più bisogno. Si tratta di una piattaforma digitale no profit, che ha lo scopo di trasferire risorse alimentari dagli esercenti alle associazioni del terzo settore. Chiunque, un panettiere, un ristorante, un bar o un semplice cittadino può decidere di utilizzare Breading e donare gli avanzi di fine giornata che, altrimenti, andrebbero buttati.

E’ di facile utilizzo, si tratta di una semplice app da smartphone oppure di una intuitiva piattaforma da PC e presto, verrà inserito un metodo del tutto nuovo, tramite SMS. A fine giornata, basta comunicare a Breading quanto cibo avanzerà e le associazioni affiliate, grazie ad un servizio di geo-localizzazione integrato nell’applicazione, hanno la possibilità di vedere quali attività nella loro zona hanno messo a disposizione generi alimentari.  Questi possono, successivamente, prenotarli e procedere col ritiro della merce. Breading aiuta anche a gestire meglio il ritiro del cibo, riducendo al minimo il tempo necessario per gli spostamenti.

La startup sta avendo un grande riscontro, catturando l’attenzione di tanti e aggiudicandosi vari premi come la Start Cup Live 2014 e il premio di Startup più creativa durante la BattleMI 2015, da poco conclusa. Basti pensare che tra Roma e Milano, ogni giorno, sono 13.000 i quintali di pane che sono destinati allo scarto perché inutilizzati. Numeri da capogiro, numeri che potrebbero essere il sostentamento di chi un pasto, ogni giorno, deve lottare per averlo.

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

Guerrina Piscaglia ultime news

Guerrina Piscaglia news: le testimonianze di chi l’ha vista prima che sparisse

Maxi Lopez Torino Serie A

Torino ultimissime, parla Maxi Lopez: “Segno per rimanere in granata”