in

Startup Italia innovative, ItforItaly l’app che riconosce i prodotti contraffatti

ItforItaly è una startup, nata in Italia, in necessità al fatto di voler essere sempre più consapevoli di ciò che mangiamo e di ciò che acquistiamo. Soltanto nel Nord Amerca, il 97% dei sughi per pasta venduti sono imitazioni, il 94% delle conserve sott’olio e sotto aceto idem, il 76% dei pomoori in scatola e l’85% dei formaggi stessa storia. L’imitazione di parmigiano, provolone, ricotta e mozzarella è pari al 100%. Numeri impressionanti e il risultato è una grossa perdita per l’industria italiana di oltre 60 miliardi l’anno. Nel mondo regna sempre più la contraffazione di prodotti alimentari, soprattutto del tanto agognato Made in Italy. Si tratta di un sostegno alle aziende agroalimentari italiane nel condividere col consumatore tutte le informazioni sui prodotti in modo semplice, comodo e veloce.

ItforItaly è l’iniziativa di una giovane startup toscana, l’amministratore ha appena 22 anni, che sarà lanciata a maggio. Potrebbe essere l’idea giusta contro il mondo della contraffazione alimentare. Si tratta di un sistema capace di smascherare le frodi nei supermercati di tutto il mondo. Basta utilizzare il proprio smartphone con una semplice app: si inquadra, attraverso la fotocamera del dispositivo, il codice a barre del prodotto e l’app fa una veloce ricerca nel database, per verificare se quel prodotto sia realmente originale o una inimitabile imitazione.

ItforItaly, tra l’altro, è un servizio utile anche alle aziende e non solo al consumatore, che può difendere maggiormente i propri prodotti all’estero, dove il made in Italy contraffatto è, purtroppo, un grosso successo. Ci si può iscrivere in modo totalmente gratuito e vale sia per le aziende che per i consumatori. ItforItaly rilascerà l’app in concomitanza con il taglio del nastro di Expo 2015.

Scheletro ossario San Gianni news

Guerrina Piscaglia: novità sullo scheletro rinvenuto nell’ossario di San Gianni

Nuovo sbarco profughi in Sicilia

Immigrazione: soccorsi a Palermo oltre 1000 profughi, un corpo dilaniato dagli squali