in

Startup Italia, KBrand presenta Kmeet: software innovativo per il marketing

In un momento storico il cui il marketing e le strategie che girano intorno sono sempre più complesse, nasce Kmeet: un software innovativo prodotto dalla startup italiana KBrand.

KBrand nasce dall’idea di tre giovani ingegneri ed ha sede a Meda, cittadina Brianzola: da inizio anno, la startup ha realizzato due softwate, Kmeet e Kfinder. Se il secondo approderà sul mercato solo il prossimo Gennaio, Kmeet ha invece già avuto modo di farsi conoscere a Venezia, al “Venice Movie Stars”. Kmeet offre soluzioni per quello che viene chiamato “Cross Marketing” ovvero l’utilizzo di più mezzi e canali per fare marketing e incrementare quindi il pacchetto clienti di un’impresa. Kmeet permette, in particolare, di creare indagini complete, raccogliere dati con programmi di fidelizzazione dei clienti e ottenere profili accurati per sviluppare le strategie di cross marketing più adeguate: tutto questo in un solo software.

All’ingresso del Venice Movie Stars, i partecipanti sono stati invitati a sottoscrivere una registrazione tramite il QrCode stampato sul pass o la compilazione di un form su dispositivo mobile: in questo modo non solo si è ottenuta una rapida registrazione di tutti i presenti (attori, ospiti, stampa, ecc…) ma essi hanno anche ricevuto, direttamente tramite email o sms, i comunicati stampa, username/password del wifi e la possibilità di valutare l’evento. Attualmente, la startup sta lavorando all’uscita del nuovo software Kfinder “Siamo abituati a pensare che per trovare qualcosa bisogna prima cercarla. E se non fosse così? Le abitudini ci fanno credere che non ci sia un modo migliore per fare qualcosa. Noi abbiamo pensato ad un modo innovativo di trovare ciò che ci serve. Kfinder proverà a fare questo”, ha infine spiegato al Il Sole 24 Ore Simone Dell’Orto, uno dei soci fondatori della startup.

leonardo di caprio e kelly rohrbach

Leonardo Di Caprio e Kelly Rohrbach: matrimonio in vista

Djibril Cissé arrestato

Djibril Cissé arrestato: estorsione a luci rosse su Valbuena