in

Startup, Italia seconda per sostegno alle neo imprese: i dati dell’European Digital Forum

Le startup italiane sembrano essere in buone mani, almeno secondo i dati emersi dall’European Digital Forum: il nostro Paese sarebbe infatti al secondo posto per il sostegno alle neo-imprese innovative.

L’Italia è al secondo posto nella classifica dei Paesi europei impegnati nel sostegno alle startup, è quanto emerge dall’European Digital Forum: tra i Paesi europei analizzati dallo studio fatto in collaborazione con il Lisbon Council (Bruxelles) e Nesta (Regno Unito), la ricerca ha stilato una classifica dei Paesi che hanno messo in atto il maggior numero di provvedimenti suggeriti nello “Startups Manifesto” redatto nel 2013. In particolare, l’Olanda si aggiudica il podio con l’85% delle raccomandazioni seguite: l’Italia si attesta invece al secondo posto con l’82% seguita dal Regno Unito con il 77%: le categorie prese in considerazione sono state l’insegnamento, le facilitazioni alla mobilità dei lavoratori, accesso al capitale e vari aspetti fiscali (dalla tassazione alle agevolazioni).

Ma cos’è il Manifesto delle startup? Redatto nel 2013, il documento identificava 22 provvedimenti che avrebbero permesso alle neo imprese innovative d’Europa di fare un netto salto di qualità: a tre anni di distanza, la media di attuazione delle raccomandazioni del manifesto è al 60% segno che – come afferma David Osimo, uno degli autori dello studio – “in linea generale l’Europa sta facendo buoni progressi in aree importanti, ma molti paesi devono ancora andare oltre gli impegni verbali”.

donne e lavoro, dati occupazione femminile italia, donne che lavorano in italia, percentuale donne che lavorano in italia, donne in politica, donne in carriera,

Occupazione femminile: l’Italia non è un Paese per donne che vogliono carriera e famiglia

Festa dei Folli Corinaldo 2016

Festa dei Folli Corinaldo 2016: date e programma, tra colori, sapori e pazzie