in

Startup: Snapp, creare app direttamente da smartphone

Un gruppo composto da 12 persone sotto i 35 anni e provenienti da Italia, Cile, Regno Unito, Israele, Bulgaria e Ungheria: sono questi i fondatori della startup Snapp, un’app che permette di creare altre applicazoni direttamente dallo smartphone.

Snapp è stata finanziata da Startup Chile (progetto promosso dal Governo Cileno) ed incubata in Wayra Chile. La startup si è poi trasferita in Israele, dopo aver chiuso un round di finanziamento con un venture capitalist israelo-americano: i creatori rimarranno lì ancora sei mesi per poi spostarsi negli Stati Uniti alla ricerca di nuovi finanziamenti.

Snapp è stata pensata con un occhio di riguardo per i Paesi in via di sviluppo, luoghi in cui la tecnologia è diffusa mediante dispositivi portatili piuttosto che computer. La startup si rivolge a tre categorie: il business (piccole e medie imprese), organizzatori di eventi e non-profit. Per questi ultimi il servizio è gratuito mentre per gli altri il costo è di 20 dollari e 10 dollari al mese per rimanere nei diversi store. Cinquemila app pubblicate e migliaia di download solo in Africa: l’esempio più significativo, però, è “About Ebola”. Realizzata da un utente del Senegal durante l’emergenza ebola, appunto, l’app era destinata a dare informazioni precise sul virus anche il lingue differenti dall’inglese e dal francese.

(Foto: Pagina Facebook Ufficiale Snapp Builder)

belen rodriguez stefano de martino

Belen Rodriguez: orgogliosa di Stefano De Martino e coccole a Santiago

lisa fusco caduta spaccata

Lisa Fusco caduta a Mezzogiorno italiano: “La spaccata mi ha spaccato”