in

Stasera in tv su La7 “I Borgia”, nuova e discussa serie

In questo periodo in piena coincidenza con il conclave per la chiesa, La7 porta in esclusiva in Italia la serie tv I Borgia”, serie ideata da Neil Jordan, candidato al premio Oscar come miglior regista e vincitore del premio Oscar per la miglior sceneggiatura nel 1993 con il film “La moglie del soldato”, co-prodotta dal network americano “Showtime” e dal canadese “Bravo!”.

La serie tratta la storia della famiglia italiana di origine aragonese dei Borgia, una delle più influenti a cavallo tra il XV e XVI secolo, la trama è ambientata a Roma nel 1492 nel periodo in cui Papa Innocenzo VIII era in fin di vita e Rodrigo Borgia e Giuliano Della Rovere già si preparano a prendere il suo posto, sarà il primo a spuntarla assumendo il nome di Alessandro VI che piazzerà i suoi figli illegittimi in posizioni prestigiose sistemando i figli: Cesare, diventa cardinale, difendendo il padre dagli attacchi all’interno del Vaticano, Juan sarà gonfaloniere dell’esercito papale e Lucrezia sarà data in sposa a Giovanni Sforza per garantire l’alleanza con il Nord Italia. Ma i Borgia dovranno fronteggiare molti nemici primi tra tutti i Della Rovere che cercheranno aiuto anche dal Re di Francia Carlo VIII.

La serie si ispira “liberamente” alla storia dei Borgia, che sono ricordati per i loro scandali, nelle puntate ci saranno scene di sesso, di violenza, di corruzione con l’obiettivo di coinvolgere lo spettatore negli intrighi della famiglia Borgia senza lasciarlo all’immaginazione. Gli appassionati e gli esperti di storia troveranno delle inesattezze dovute all’obiettivo di rendere accattivante e intrigante la narrazione.

Questa serie è stata contestata dall’Aiart, associazione dei telespettatori cattolici, che contesta la serie perchè potrebbe indurre i telespettatori non-cattolici a pensare che questo accada ancora oggi.

L’appuntamento è per la prima puntata de “I Borgia” è per questa sera alle 21.30 su La7.

Seguici sul nostro canale Telegram

Quando si riunisce il nuovo Parlamento

Expo 2015, Formigoni non sarà più commissario?