in , ,

Stefano Farina è morto: lutto nel mondo del calcio, ex arbitro e responsabile CAN B

Lutto improvviso nel mondo del calcio. È morto Stefano Farina. A causa di una brutta malattia, ci ha lasciato poco fa l’ex arbitro internazionale ed attuale Responsabile della CAN B. Stefano Farina è morto all’età di 54 anni.  Appartenente alla sezione di Novi Ligure, aveva iniziato ad arbitrare a dicembre 1979. È stato responsabile della Commissione Arbitri Nazionale di Serie B. Ha abitato ad Ovada fino al 2002; dal 2003 ha trasferito la propria residenza a Roma.

Il 4 luglio 2008 l’AIA ha annunciato di aver concesso una deroga a Farina, consentendogli di restare nell’organico CAN nonostante avesse superato il limite di età di 45 anni. Un anno dopo, il 1º luglio 2009, è stato dismesso dalla CAN per limite di età. L’8 luglio dello stesso anno è chiamato a presiedere, dal Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, la Commissione Arbitri Nazionale di Serie D (CAN D) Dopo appena un anno, l’8 luglio 2010 viene nominato responsabile della Commissione Arbitri Nazionale di Lega Pro (ex serie C), carica confermatagli fino alla stagione 2013-2014 inclusa per poi essere promosso alla CAN B.

In sintesi, ha diretto le seguenti “classiche” del campionato italiano: 2 Juventus-Inter (Derby d’Italia), 1 Derby di Milano, 1 Derby della Capitale, 1 Milan-Roma, 1 Derby della Mole, 1 Derby della Lanterna, la sfida-scudetto Lazio-Juventus della stagione 1999/2000 e ben due finali playoff della serie B (Perugia-Torino nel 2005 e Torino-Mantova nel 2006).

Diresse anche la sfida che costò la vita a Filippo Raciti. Stefano Farina, infatti, il 2 febbraio 2007 ha arbitrato la tragica partita di Serie A Catania – Palermo, sospesa per 40 minuti per lancio di fumogeni e petardi da parte dei tifosi, ai quali ha fatto seguito il lancio di lacrimogeni da parte della polizia.

 

Diretta Manchester City-Tottenham dove vedere in tv e streaming

Attentato a Manchester, paura Josep Guardiola: moglie e figlie erano al concerto di Ariana Grande

Justice League DC, Zack Snyder lascia la regia dopo il suicidio della figlia