in

Stephan Balliet chi è l’attentatore nazista di Halle: ha filmato l’attacco

Ha un nome e un volto l’attentatore di Halle, cittadina della Sassonia-Anhalt, a pochi passi da Lipsia. Si chiama Stephan Balliet, ha ventisette anni ed è un tedesco. A darne l’identikit lo “Spiegel”, che ha dichiarato che gli inquirenti sono in possesso di un video realizzato dal killer, che deve aver utilizzato una videocamera montata sull’elmetto che indossava al momento della strage. Immagini molto forti che mostrano una donna freddata vicino al cimitero ebraico, poi un uomo ucciso in una tavola calda Kebab, non molto distante dalla sinagoga.

leggi anche l’articolo —> Yom Kippur cos’è: tutto sulla più solenne festività ebraica

Stephan Balliet chi è l’attentatore nazista di Halle: ha filmato l’attacco

E proprio dai filmati emerge la matrice antisemita e di estrema destra dell’attentato, che è avvenuta nel pomeriggio di ieri, mercoledì 9 ottobre 2019, giorno dello Yom Kippur, ricorrenza importante per gli ebrei, che celebrano il Giorno dell’Espiazione. Antisemita, negazionista, anti-femminista e xenofobo Stephan Balliet avrebbe voluto fare molte più vittime: nel corso della sparatoria davanti alla sinagoga di Halle il giovane avrebbe urlato “ebrei, ebrei”. Nel video si percepisce anche la delusione del 27enne per non essere riuscito ad entrate nel luogo di culto ebraico. Un disappunto che si percepisce attraverso le frasi: «Merda, non si entra!» e «Accidenti, sono un fallito!», che si distinguerebbero nel breve filmato.

“Hey, mi chiamo Anon e non credo che l’Olocausto sia avvenuto”

Stando alle informazioni dello Spiegel, l’uomo non era precedentemente noto alla polizia, che in un primo momento aveva parlato di più attentatori diversi. Come riporta “TgCom24”, sempre nel video (che si apre con un prologo da brividi: “Hey, mi chiamo Anon e non credo che l’Olocausto sia avvenuto”) si sentirebbe chiaramente la frase “La radice di tutti i problemi sono gli ebrei”. A scoprire il filmato, che era stato postato sulla piattaforma di video online Twitch, i ricercatori “International Centre for the Study of Radicalization” del Londoner King’s College. A darne parzialmente diffusione il settimanale tedesco Die Zeit, che ne ha riassunto i momenti cruciali.

Avrebbe tentato il suicidio dopo la strage ad Halle

Come si legge sul sito Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz) quando l’uomo è stato arrestato l’attentatore “aveva una ferita di arma da fuoco al collo” e per questa ragione “le autorità di sicurezza presumono un tentativo di suicidio”. Vi ricordiamo che dopo aver ucciso due persone nei pressi della sinagoga, l’uomo si è visto costretto a ferirne altre due (poi ricoverate in ospedale) mentre stava cercando di rubare un auto. Sotto choc l’intera comunità, la Germania colpita da un attentato di matrice antisemita senza precedenti.

leggi anche l’articolo —> Germania, sparatoria alla sinagoga di Halle: “Almeno due morti e un uomo in fuga”

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Il Santo del giorno 10 ottobre: San Daniele Comboni

guasto telecom

Guasto Telecom, internet down e telefoni muti: ironia e rabbia su Twitter