in ,

Strage Charlie Hebdo: ‪#‎NotInMyName‬, la campagna dei musulmani contro l’Isis

È partita da Londra per iniziativa dell’associazione ‘anti-Isis’ Active Change la campagna ‪#‎NotInMyName. “Non uccidete innocenti in mio nome”, è questo il messaggio lanciato dai musulmani di tutto il mondo che non si riconoscono nell’integralismo religioso messo in atto dai miliziani dell’Isis, che vanno spargendo nel mondo il sangue di persone innocenti in nome di Allah. Proprio il fondatore dell’associazione, Hanif Qadir, ha spiegato che la popolazione musulmana è indignata per come il Califatto si serva delle piattaforme online per diffondere un messaggio di odio, che incita alla violenza e vuole fare nuovi giovani proseliti da ‘arruolare’ nell’associazione terrorista jihadista.

La strage di mercoledì scorso compiuta nella sede del giornale satirico francese, Charlie Hebdo, non ha fatto altro che acuire la necessità, per tutti i musulmani contrari ad ogni forma di violenza, di prendere le distanze da siffatta associazione criminale che distorce l’essenza del credo islamico. Una presa di posizione contro lo Stato Islamico e un certo tipo di Islam dal quale non si sentono rappresentati.

Le iniziative di protesta stanno spopolando in queste ore su Facebook, Twitter ed altri social network, stigmatizzate nell’hasthag #NotInMyName. Tanti volti di giovani girano in rete, appartengono a ragazzi e ragazze musulmani che mostrano il cartello #notinmyname; anche molti vignettisti musulmani hanno aderito alla campagna, facendo circolare una serie di vignette di solidarietà nei confronti del Charlie Hebdo, citando l’ashtag ‘je suis Charlie’ ormai divenuto virale.

 

Foto Ansa

Calciomercato Fiorentina

Calciomercato Fiorentina news: per l’arrivo di Diamanti mancano soltanto i dettagli

Un passo dal cielo 3 ultima puntata

Ascolti tv ieri: 7,6 milioni per la prima puntata di Un Passo dal Cielo 3