in , ,

Strage di Bologna 2 agosto 1980, 36° anniversario: gli eventi per non dimenticare

Un boato assordante, e poi solo polvere e sangue: era il 2 agosto 1980 quando a Bologna si consumò la strage che provocò la morte di 85 persone e il ferimento di altre 200 nella stazione della città, a causa di un ordigno esplosivo. Un momento drammatico che ancora non ha trovato giustizia: a 36 anni di distanza, infatti, rimangono ignoti i nomi dei mandanti, anche se proprio lo scorso mese è stato raggiunto un importante traguardo con il riconoscimento del reato di depistaggio, entrato a titolo definitivo nel codice penale (ricordiamo ai lettori che il disegno di legge era stato presentato proprio da Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione delle vittime della strage di Bologna).

Intanto la città non dimentica: anche quest’anno è fitto il calendario di eventi per ricordare quei tragici momenti e alzare la voce contro qualunque forma di terrorismo, di ieri e di oggi. A partire dalle ore 6:30 di mattina arriveranno da tutta Italia le staffette podistiche “Per non dimenticare”. Le celebrazioni cominciano a Palazzo d’Accursio, dove il sindaco Virginio Merola incontrerà l’Associazione familiari delle vittime della Strage del 2 agosto. Da Piazza del Nettuno alle ore 9:15 partirà il lungo corteo che raggiungerà Piazza Medaglie d’Oro alle ore 10:10, dove interverrà anche Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione Familiari Vittime della Strage alla Stazione di Bologna.

SCOPRI TUTTI GLI URBAN MEMORIES SU URBAN POST!

Alle ore 10:50 l’appuntamento è al primo binario della stazione di Bologna, con la tradizionale deposizione di corone alla targa che commemora il sacrificio del ferroviere Silver Sirotti deceduto nella strage del treno Italicus. Dal Piazzale Est della stazione alle ore 11:15 partirà il treno straordinario per San Benedetto Val di Sambro, in memoria delle vittime degli attentati ai treni Italicus e 904 Napoli-Milano. Alle 11.30 altre corone deposte a Piazzale Cotabo (Via Stalingrado 65/13), in ricordo dei tassisti morti il 2 agosto.

Le celebrazioni continuano con momenti dedicati all’arte: alle ore 18 l’appuntamento sarà alla Velostazione Dynamo in via Indipendenza 71/Z  con l’installazione “Confonderti” a cura di Antonello Ghezzi (visibile fin dalla mattina), mentre alle 21:15 ci si sposta in Piazza Maggiore (ore 21:15) con il Concorso internazionale di composizione 2 agosto. Oltre alle composizioni vincitrici, si potrà assistere al documentario di Vanessa Roghi prodotto da RAI 3 “La Grande Storia : Bologna, 2 agosto 1980. La Strage.”

Per ricordare le persone che prestarono soccorso in quella tragica giornata, il Collegio bolognese degli infermieri Ipasvi ha organizzato nella propria sede di via Zaccherini Alvisi la mostra “Due minuti dopo”, che racconta la tragicità di quei momenti attraverso gli scatti in bianco e nero prodotti proprio il giorno della strage dal fotografo Paolo Ferrari (qui gli orari di apertura).

In apertura: l’orologio della stazione di Bologna fermo alle 10:25, momento della strage – Image Credits Prof.Quatermass/Wikimedia Commons

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Giro d'Italia 2017

Vincenzo Nibali verso il Bahrein: pronta l’offerta dal nuovo team del principe

Pensioni 2017 news: aspettativa di vita, pensione la Cgil pronta alla mobilitazione

Pensioni 2016 news oggi: flessibilità e pensioni anticipate, cosa si prevede nella Legge di Stabilità e cosa potrebbe slittare