in ,

Strage di Secondigliano: morto suicida l’infermiere killer che sparò dal balcone

È morto ieri sera in ospedale, Giulio Murolo, l’infermiere killer autore della tristemente nota ‘strage di Secondigliano’, che tre giorni aveva tentato il suicidio nella cella del carcere di Poggioreale dove era recluso, ingerendo una dose massiccia di barbiturici.

Napoletano, 49 anni, Murolo dopo una lite per dei panni stesi nello spazio condominiale avvenuta il 15 maggio 2015, imbracciò una pistola e aprì il fuoco contro i passanti, sparando all’impazzata dal balcone di casa, uccidendo 4 persone (tra cui il fratello e la cognata) e ferendone 6.

Dopo il tentativo di suicidio, il detenuto era stato ricoverato nel reparto di Medicina dell’ospedale Loreto Mare di Napoli, e poi trasferito, per l’aggravarsi delle sue condizioni, nel reparto di Rianimazione, costantemente piantonato dagli agenti di polizia penitenziaria. Dopo tre giorni di agonia, ieri pomeriggio il decesso, sopraggiunto in seguito ad una grave crisi cardio-respiratoria.

Arsenal Barcellona

Barcellona – Arsenal: ora diretta tv, streaming gratis e probabili formazioni

Sassuolo Stella Rossa probabili formazioni

Pronostici calcio Europa League 2015-2016, consigli scommesse 17 marzo