in ,

Strage Erba Olindo e Rosa, processo da rifare? Al via esami su reperti mai analizzati, ecco quali sono

Strage Erba, Olindo e Rosa innocenti? Il caso non può dirsi ancora chiuso, tanto che il prossimo 21 novembre si tornerà in aula. Davanti alla Corte d’appello di Brescia, infatti, su disposizione della Corte di Cassazione che aveva accolto il ricorso della difesa dei coniugi Romano condannati in via definitiva all’ergastolo, avrà luogo l’incidente probatorio su alcuni reperti mai analizzati prima e da cui potrebbero emergere novità inaspettate, tali da scagionare Olindo e Rosa e portare alla revisione del processo.

Ultima occasione, questa, per i coniugi condannati per poter dimostrare di essere innocenti (come i due sostengono da sempre, da quando, cioè, ritrattarono la confessione di colpevolezza) e rimettere in discussione l’impianto accusatorio della Procura di Como. Nella strage, avvenuta l’11 dicembre 2006, furono trucidate quattro persone. Uccisi a sprangate e finiti a coltellate Raffaella Castagna, suo figlio di 2 anni Youssef, la madre della donna, Paola Galli, e una vicina di casa, Valeria Cherubini; il marito di quest’ultima, Mario Frigerio, sopravvisse, nonostante le gravi ferite alla gola, divenne il principale teste d’accusa contro Olindo e Rosa e morì alcuni anni dopo il processo.

>>> Strage di Erba news: Olindo e Rosa innocenti? Disposti nuovi accertamenti <<<

I nuovi accertamenti saranno effettuati su reperti mai analizzati prima e non riconducibili a Olindo e Rosa. Si tratta di una tenda insanguinata, un accendino, un paio di guanti smarriti sul luogo del delitto. Ad essi si aggiungono dei frammenti di unghie e Dna sul giaccone della madre di Raffaella Castagna, delle formazioni pilifere sulla felpa del figlio, una macchia di sangue sul terrazzino di casa Castagna e un mazzo di chiavi rinvenute nell’appartamento; mozziconi di sigaretta. Tutti elementi custoditi all’Università di Pavia, nel deposito giudiziario a Como, nei laboratori dei Ris di Parma.

All’incidente probatorio prenderanno parte anche Olindo Romano e Rosa Bazzi che per la prima volta dunque usciranno dal carcere. “Spero che le nuove analisi possano riaprire il caso e far definitivamente luce sulla nostra innocenza. Visto che non troveranno nostre tracce, spero che trovino ancora quelle dei veri colpevoli”, ha fatto sapere Olindo Romano attraverso una lettera al suo legale, il cui contenuto è stato reso noto pochi giorni fa nel corso di una trasmissione di Telelombardia.

Iron Maiden Firenze 2018 prezzo biglietti: oggi al via la vendita per i tagliandi, ecco le info utili (FOTO)

Diretta Valencia-olimpia Milano Basket Eurolega 2017

Diretta Valencia – Olimpia Milano dove vedere in tv e streaming gratis Basket Eurolega