in ,

Strage Parigi news, Hollande bombarda l’Isis in Siria: colpita Raqqa

Parigi ha risposto con le bombe ai terribili attentati che l’hanno colpita la sera del 13 novembre scorso. Il presidente francese Francois Holland già ieri sera ha infatti ordinato la ripresa dei raid aerei sulla Siria, roccaforte dell’Isis. Le bombe sganciate (circa 20) hanno colpito punti strategici militari dello Stato Islamico nella città di Raqqa; il raid è durato circa 30 minuti ed ha visto impiegati 12 arei, 10 dei quali caccia da combattimento alzati in volo dalla Giordania e dagli Emirati Arabi Uniti.

Si è trattato di bombardamenti ‘a pioggia’ che hanno distrutto due campi di addestramento dei jihadisti a Raqqa: come confermato dal ministero francese della Difesa, si tratterebbe di due obiettivi importanti dell’Isis, uno utilizzato come posto di comando, deposito armi e centro di reclutamento dei jihadisti, l’altro come campo militare di addestramento terrorista.

LEGGI TUTTO SUGLI ATTENTATI DI PARIGI

A seguito del raid il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, ha reso noto che l’azione militare francese è stata “legittimata” ad agire contro l’Isis in seguito agli attacchi terroristici di venerdì sera. Fabius, in Turchia in occasione del G20, ha poi aggiunto che si è trattato di una decisione “politica”“Non si può essere attaccati duramente, senza essere presenti ed attivi”.

un posto al sole anticipazioni

Un Posto al Sole anticipazioni 16-18 Novembre 2015: il matrimonio di Viola

Pomeriggio 5 anticipazioni puntata 16 novembre: novità sulla strage di Parigi