in ,

Strage Parigi, Salah Abdeslam terrorista ricercato: una telefonata e poi la fuga

“Pronto, puoi aiutarmi? Puoi venire a prendermi a Parigi? Ti pago la benzina e i pedaggi”, queste le parole pronunciate al telefono da Salah Abdeslam, alle 22 del 13 novembre 2013, quando il Bataclan si era da poco trasformato in un teatro di sangue e morte.

La presunta conversazione telefonica sarebbe avvenuta tra l’ottavo componente del commando Isis autore delle stragi di Parigi, tuttora in fuga e ricercato dalla polizia di tutta Europa, ed un amico a Bruxelles, negli attimi successivi al massacro avvenuto a Parigi. Parole, quelle pronunciate dal 26enne belga, ricostruite dal sito “Nouvel Observateur”: il terrorista fuggitivo avrebbe telefonato all’amico Hamza Attou, 21enne incensurato, per chiedergli di aiutarlo a tornare nella capitale belga dopo l’attentato. A riferirlo sarebbe stato un altro suo amico (di cui non è stata rivelata l’identità) che avrebbe assistito alla succitata telefonata.

Questa dunque la prova che la fuga di Salah non sarebbe stata premeditata né pianificata nei dettagli, e andata a buon fine – visto lo stato attuale dei fatti – seppur improvvisata. Attou e un altro amico, il 27enne Mohamed Amri, a bordo della Golf di quest’ultimo sarebbero poi andati a recuperare Salah, che li aspettava a Montreuil dove ha lasciato la Seat Ibiza nera ritrovata dalla polizia, passando indisturbati la frontiera alle 3 di notte. Alle 9 del 14 novembre sarebbero rientrati in Belgio – controllati a Cambrai dalla polizia e lasciati transitare – e avrebbero accompagnato Salah vicino allo stadio di Bruxelles, perdendone poi le tracce. Questa la ricostruzione.

Attou ed Amri ieri sono stati tratti in arresto durante il lungo blitz delle teste di cuoio francesi nel quartiere di Molenbeek: sospettati entrambi di essere gli artificieri delle cinture esplosive usate dai kamikaze del commando Isis che ha agito a Parigi, per loro l’accusa è di terrorismo e complicità negli attentati. “Gli abbiamo solo dato un passaggio” – avrebbero detto alla polizia – “non sapevamo che avesse preso parte agli attacchi”.

50 Sfumature di rosso

50 Sfumature di Nero uscita e news: la data ufficiale, la trama del film

fortuna loffredo news a pomeriggio 5

Caivano abusi su bambina: ancora orrore nel palazzo dove morì Fortuna Loffredo