in ,

Strage Tienanmen: sono otto i sospettati

Sarebbero otto uighuri originari della regione occidentale dello Xingjang le persone ritenute coinvolte nell’esplosione in piazza Tienanmen avvenuta lunedì scorso, in cui sono morte 5 persone e altre 38 sono rimaste ferite.

polizia_cinese

La regione autonoma dello XingJang è stata teatro di violenza già in passato. Nella regione vivono 9 milioni di uighuri, una minoranza di lingua turca e fede musulmana che lamenta una forte repressione linguistica, culturale e religiosa da parte del governo cinese. Inoltre, la regione è ricca di materie prime e si trova in una posizione strategica, al confine con India, Cina e Asia centrale. Queste tensioni sarebbero state alla base di quanto accaduto in piazza Tienanmen.

Intanto la polizia cinese mantiene la massima riservatezza su quanto successo e sta mettendo a tacere le notizie pubblicate sulla rete.
Rebiya Kadeer, la presidente del Consiglio Mondiale degli Uighuri, in un’intervista diffusa negli Usa dove vive in esilio, ha dichiarato: “Il governo cinese non esiterà a diffondere una versione falsa dell’incidente di Pechino per imporre nuove misure restrittive agli uighuri”. 

Seguici sul nostro canale Telegram

Halloween maschera low cost 2014

Ad Halloween…Riccione mi strega

Stasera in diretta Tv: Le tre rose di Eva 2, La Gabbia e Ex-Amici come prima