in ,

Studente di Bergamo multato per volantino ripetizioni: pagherà 114,00 Euro

Un ragazzo di Osio Sopra, in provincia di Bergamo, 20enne studente universitario, nell’ottobre 2011 fu sanzionato per aver affisso nel cancello di ingresso della scuola elementare della città di Dalmine (sempre nel Bergamasco) alcuni volantini in cui offriva lezioni private nel doposcuola.volantino ripetizioni

Ma la sua iniziativa ha infranto le regole e si è scontrata con l’intransigenza della polizia locale che nella multa accusava: “Collocava e/o faceva collocare numero due locandine pubblicitarie su inferriata della scuola elementare Carducci, senza la prescritta autorizzazione”. Immediate le reazioni del giovane, che si è sentito vittima di un sopruso da parte delle autorità e non ha esitato a far sentire la sua voce attraverso il quotidiano L’eco di Bergamo.it, come si evince da uno stralcio della sua lettera risalente all’ottobre del 2011“… Vorrei sottolineare come da un punto di vista “etico” questa sanzione sia estremamente ingiusta e sproporzionata. Credo che punire in questo modo un ragazzo che, senza recare danno ad alcuno, cerca di guadagnare in un periodo di crisi qualche soldo per essere economicamente “indipendente” e per pagarsi almeno le minime spese universitarie (solo per andare a Milano pago 100 euro al mese) sia veramente indecente e che sia solamente un mezzuccio meschino e vile per riempire le casse del comune a scapito di chi è socialmente più debole, ma che in fin dei conti non ha fatto nulla di male”. 

Da allora l’avvocato del ragazzo si è battuto in ogni modo per difendere le ragioni del suo assistito, inviando lettere al Prefetto e alle diverse istituzioni, mentre il 20enne riceveva attestati di solidarietà dalla rete, ma è stato tutto invano: la sanzione, a due anni di distanza, è stata confermata: lo studente dovrà pagare 114 Euro di multa.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Robin van Persie

Manchester United in crisi e Van Persie se ne va per approdare al Barça

Shinji Kagawa

Manchester United: preoccupazione per il giapponese Kagawa (Video)