in ,

Studente fucilato nel Nuorese: trovata auto bruciata, è quella usata dal killer in fuga?

Continuano le indagini sul barbaro assassinio di Gianluca Monni, lo studente 19enne di Orune (Nuoro) freddato lo scorso venerdì 8 maggio a colpi di fucile, mentre insieme ad alcuni amici aspettava l’autobus per recarsi a scuola. Tra gli elementi utili raccolti dai carabinieri durante le indagini, una lite di cui la vittima sarebbe stata protagonista alcuni mesi fa, scoppiata a causa di pesanti apprezzamenti fatti da 3 suoi coetanei alla fidanzata. I protagonisti di quel litigio, sarebbero tutti sospettati del delitto.

Le ultime indiscrezioni sul caso, tuttavia, rivelerebbero anche altre novità che al momento rimangono solo un’ipotesi investigativa: la sparizione di un giovane 28enne residente in un paese vicino a quello della vittima e lo spettro di un altro omicidio. Stefano Masala, questo è il suo nome, è infatti irreperibile da mercoledì scorso e la sua auto bruciata è stata ritrovata venerdì notte. Ebbene, gli inquirenti sospettano che le due vicende siano collegate e che quella vettura sia stata utilizzata dal killer di Gianluca Monni per fuggire insieme al suo complice subito dopo l’agguato mortale.

calciomercato inter news

Calciomercato Inter ultimissime: Thiago Motta, possibile ritorno a Milano?

amanti in cimitero

Napoli, prostituta uccisa: fermati tre 19enni