in ,

Studente precipitato a Milano, messaggio shock su WhatsApp: “Lo tengono, poi vola giù”

Nei giorni scorsi si era detto che molto probabilmente la svolta nelle indagini sul caso relativo alla tragica morte di Domenico Maurantonio sarebbe arrivata dalla chat di WhatsApp, e forse le cose stanno proprio così. Ieri sera la trasmissione di Rai Tre, Chi l’ha visto?, ha mostrato un messaggio sconvolgente che rivelerebbe le circostanze in cui sarebbe morto lo studente padovano, precipitato misteriosamente dal davanzale di una finestra al 5° piano dell’hotel Da Vinci di Milano, dove alloggiava con docenti e compagni di classe in occasione di una gita all’Expo.

Qualcuno – la cui identità è ignota – ha diffuso su Facebook la schermata di un cellulare con una conversazione su Whatsapp inerente la morte di Domenico. Un messaggio scritto il 12 maggio e segnalato alla trasmissione di Federica Sciarelli dopo esser stato pubblicato come commento a un link sullo studente precipitato. Sembrerebbe scritto da un anonimo testimone del volo mortale di Domenico, agghiaccianti i suoi contenuti: “Se ti racconto cos’è successo ieri mattina in hotel non ci credi … L’altra sera dei ragazzi di una scuola di Padova son venuti da noi in hotel… di notte si sono ubriacati da fare schifo e hanno deciso di fare degli scherzoni sui corridoi dell’hotel”, scrive l’anonimo al suo interlocutore.

Poi continua, scendendo nei dettagli: “… il ‘migliore’ di questi scherzi  è stato defecare per il corridoio del quinto piano… non contento, uno di questi per fare il figo decide di mettersi sul cornicione per farla dalla finestra… quindi si fa tenere per le braccia dagli amici e ad un certo punto vola giù. Morto. Gli amici non hanno detto nulla a nessuno e son tornati in stanza…”. Nessuna conferma o smentita al riguardo è arrivata durante la diretta della trasmissione e l’attendibilità del messaggio diffuso in rete dovrà essere vagliata dagli inquirenti. Molte le perplessità sulla veridicità del suo contenuto: “Speriamo che non si tratti di uno scherzo di pessimo gusto”, ha infatti dichiarato la conduttrice dopo aver mostrato la schermata di quella chat.

Guerrina Piscaglia ultime news

Guerrina Piscaglia news, le prime parole di padre Gratien dopo il ‘no’ alla scarcerazione

Urban Memories

21 maggio 1859: nasceva Sir Arthur Conan Doyle, padre di Sherlock Holmes