in ,

Studente precipitato a Milano ultime news: sequestrati i cellulari dei compagni

Vanno avanti senza sosta le indagini per la morte di Domenico Maurantonio, lo studente padovano precipitato dal 5° piano dell’hotel Da Vinci di Milano, il 10 maggio scorso, dove era in gita con la scuola per visitare l’Expo. Ieri il pm Claudio Gittardi ha fatto nuovamente convocare a Milano alcuni compagni di classe di Domenico per tentare, ancora una volta, di rompere quel muro di omertà innalzato attorno alla vicenda che, in 2 settimane di indagini, non ha ancora permesso agli inquirenti di giungere alla verità e capire in quali circostanze sia morto il 19enne.

Ed è di poco fa la notizia del sequestro, su disposizione degli inquirenti impegnati nelle indagini, dei cellulari di diversi compagni di classe di Domenico. I dispositivi elettronici ora saranno analizzati, in quanto importanti elementi potrebbero emergere dai contenuti di chat e messaggi scambiati dagli studenti nella notte in cui si è consumata la tragica vicenda.

Nel frattempo la famiglia di Domenico, intervistata dal Corriere, ha rilasciato delle dichiarazioni che trasudano amarezza e delusione per il comportamento, affatto collaborativo, dei compagni di Domenico nei confronti degli inquirenti. “Sono passate due settimane da quella notte terribile. Pensavo che i ragazzi a questo punto parlassero, che raccontassero quello che è davvero successo”, ha detto il padre dello studente morto in merito ai silenzi, troppi, che ancora avvolgono la morte del figlio.

Seguici sul nostro canale Telegram

Squadra mobile facebook

Programmi Tv oggi, lunedì 25 Maggio: Squadra Mobile e il 55° Premio Regia Televisiva

smagliature come combatterle, smagliature al seno in gravidanza

Smagliature in gravidanza: prevenirle in poche mosse, ecco come fare