in

Studiozero-Vetro, gioielli “Made in Italy” in vetro di Murano: intervista alla designer Caterina Zucchi

Nella nostra sezione UrbanPost-Business vi proponiamo la storia d’impresa di Caterina Zucchi, la designer italiana creatrice di Studiozero-Vetro ovvero un’impresa artigiana che propone collezioni di gioielli artigianali completamente “Made in Italy” e creati in vetro di Murano soffiato a bocca. Il risultato della lavorazione – durante la quale viene ridotto al minimo l’utilizzo di utensili e priva di stampi stampi – sono creazioni uniche che esprimono al meglio la passione della loro designer. Ecco allora cosa ci ha raccontato Caterina Zucchi

Ciao Caterina, su UrbanPost abbiamo parlato spesso di imprese al femminile. Ci puoi raccontare com’è iniziato tutto?

“L’interesse per i materiali, l’artigianalità dei manufatti e l’approccio creativo alla vita quotidiana mi hanno da sempre affascinata. Forse non me ne rendevo ancora conto, ma non avrei potuto fare altro che andare alla ricerca di un mestiere che potesse essere l’espressione della mia personalità. La necessità e l’urgenza di creare si liberano in pochi gesti, misurati e decisi che danno vita a creazioni dai tratti lineari e futuristici. Nel 2001 vengo a conoscenza di una scuola a Bolzano dove si studia e si lavora il vetro. E’ l’Istituto Vetroricerca Glas&Modern, una scuola internazionale dove apprenderò le varie tecniche di lavorazione del vetro. Al programma di studi si alterneranno workshops, stages e progetti paralleli. Il mio percorso continua a Murano, dove prenderò parte ad un corso specifico per la tecnica della lavorazione a ‘lume’ presso la scuola del vetro Abate Zanetti. Essere l’assistente di un maestro muranese per un anno, vivere nell’isola veneziana, ‘nutrirmi di vetro’ sono state esperienze che mi hanno chiarito le idee su quello che avrei voluto fare. Nel 2004 apro il mio laboratorio Studiozero-vetro a Livorno, lo studio/showroom dove creo interamente a mano gioielli in vetro di Murano soffiato e non. Durante gli anni di attività porto avanti altri progetti lavorativi come l’insegnamento della lavorazione del vetro, esposizioni in gallerie d’arte e bookshop, collaborazioni con stilisti e designers.”

Parlaci invece di Studio Zero Vetro… quando hai pensato di aprire un e-commerce?

“L’esperienza acquisita negli anni, la maturità stilistica, la rete e i social, mi hanno convinta ad aprire un e-commerce. Volevo allinearmi ai metodi di comunicazione e condivisione odierni. La rete è un’ opportunità e un biglietto da visita che rende ancor più credibile e professionale la mia attività, mi avvicina alle persone con le quali posso comunicare e raccontare la storia dei miei gioielli. Creare un gioiello in vetro soffiato, fotografarlo e pubblicarlo mi permette di presentare e proporre al mondo il mio percorso artistico, e raggiungere il desiderio di persone vicine e lontane.”

=> LEGGI TUTTE LE NOSTRE INTERVISTE

Quali sono, almeno sinora, i feedback ottenuti? Qual è il target di clienti a cui ti rivolgi?

“Con la partecipazione a fiere nazionali e internazionali inizio ad esportare le mie creazioni in tutto il mondo,Usa, Russia, Giappone. La varietà e la versatilità delle collezioni che propongo incontra il gusto di tante e diverse personalità femminili e non solo. La mia capacità creativa e la tecnica di lavorazione che utilizzo per modellare il vetro mi consentono di proporre modelli e designs unici e originali dai tratti stilistici riconoscibili. L’alta qualità del vetro di Murano conferisce un ulteriore valore alle collezioni.”

Una domanda infine sul “Made in Italy”: dal tuo punto di vista, perché è sempre più importante supportare artigiani e/o imprese artigianali italiane?

“L’artigianato di qualità ha bisogno di essere sostenuto poiché non sempre viene considerato come portatore di cultura e lavoro. La concorrenza e il mercato non sempre consentono ai manufatti artigianali di emergere. La creatività è cultura. L’artigiano vive le suggestioni di un preciso momento storico e le traduce in un prodotto che lascia una traccia, un’impronta delle tendenze e dei costumi di un’epoca nel tempo. L’ artigiano racconta una storia, senza parole, ma con gesti che si trasformano in oggetti che sono la sintesi di esperienze ed emozioni di un attimo. Possono legarsi alla moda del momento oppure no, possono anticipare i tempi, ma la cosa più importante resta creare con passione, stupire e ispirare, trasferire alla creazione da indossare un sentimento, un’energia che resta viva e visibile nel tempo. Il ‘Made in Italy’ è l’emblema della qualità e dell’estro italiano, un punto di riferimento riconosciuto in tutto il mondo.”

smagliature in gravidanza cosa usare, smagliature come eliminarle naturalmente, consigli bellezza gambe

Smagliature: come eliminarle naturalmente

uomini e donne gossip

Uomini e Donne news: Raffaella Mennoia annuncia una puntata con le coppie, chi ci sarà?