in ,

Su IVA ed IMU possibili decisioni, ma governo ancora incerto

Su Imu ed Iva se ne sono dette tante, nei giorni precedenti il comunicato da parte del ministro dello Sviluppo Economico Zanonato era molto chiaro, nelle casse dello stato non ci sono soldi per bloccare l’aumento dell’Iva. Da mercoledì passato invece, la versione è cambiata: la strada del governo è quella di alleggerire il grosso peso dell’Imu alle imprese e soccombere l’aumento dell’Iva, si ma come? Il paese non può permettersi di indebitarsi ulteriormente e rinviare i debiti al futuro, anche perchè se adesso ci ritroviamo in queste condizioni economiche è dovuto anche all’indebitamento causato dai “vecchi” governi.

Per adesso l’aumento Iva sembra slittare ad ottobre, il ministro del Lavoro Enrico Giovannini ha quindi chiarito: “ma ad ottobre non solo è il momento delle legge di stabilità ma è anche il periodo in cui si concludono le procedure per i nuovi fondi europei”. Ciò che ha dichiarato il ministro dimostra che una mano nelle coperture ce la darà l’Europa.
giovannini


Bisogna dire che su 253 miliardi di sgravi, quelli che possono essere tagliati sono 3-4. Gli sconti che riguardano famiglia e lavoro sono quasi tutti blindati, i primi valgono 21 miliardi mentre le detrazioni per lavoro dipendente pesano per ben 58 miliardi. Quelli che non possono essere toccati sono i bonus fiscali che puntano alla semplificazione o a far emergere base imponibile.

Ridurre la spesa dei costi della politica potrebbe essere una buona aggiunta, risolutiva ed alternativa ai tagli che altrimenti procurerebbero ulteriore squilibrio. Ma qui si tratterebbe di mettere le mani sulla casta, impensabile ed ovviamente a detta di qualcuno, poco efficace.

Written by Vincenzo Iozzino

Classe 82, giornalista e pubblicista dal 2005, ha collaborato con diverse importanti redazioni, tutt'ora porta avanti un progetto personale editoriale creato ed aministrato da lui. E' attratto principalmente dalla scrittura creativa, le cui conoscenze sono state approfondite pesso la facoltà di Cultura ed amm. dei Beni Culturali di Napoli, dove si è formato. Campano, vive a Gragnano, territorio montuoso che lui definisce "braccia dell'angelo", una vera vocazione che lo ha spinto ad appassionarsi al Running ed al Trekking, e nel 2012 diventa istruttore di Atletica leggera. Vive con una meravigliosa moglie e due splendidi bambini.

Terremoto oggi a Foggia, scossa di magnitudo 2.7

Più ginnastica a scuola riduce la probabilità di obesità nei bambini