in ,

Suffragette: trama dell’ultimo film di Maryl Streep che ha aperto il London Film Festival

È Maryl Streep con il suo ultimo film, Suffragette, in uscita il 12 ottobre nel Regno Unito, ad inaugurare il London Film Festival il 7 ottobre e lo fa indossando una maglietta con scritto:

Meglio ribelle che schiava.

Una frase che fa ovviamente riferimento al personaggio interpretato dall’attrice, ovvero Emmeline Pankhurst: una donna carismatica ma, allo stesso tempo, ordinaria; una madre, una moglie e una lavoratrice; una figura in cui tante donne possono riconoscersi e, nel contempo un’icona che rimarrà nella storia per aver guidato un gruppo di donne a lottare per il diritto di voto.

Il film è ambientato a Londra, nel 1912, e si apre con la presa di coscienza di una lavandaia, Maud Watts, interpretata da Carey Mullingan, che si ritrova per caso ad assistere a una violenta protesta del movimento femminista di Emmeline Pankhurst. Da quell’episodio tutto cambia per Maud che prende in mano la sua vita e la trasforma: il film si sviluppa quindi attorno al personaggio interpretato da Carey Mullingan, mentre la leader delle suffragette, interpretata da Maryl Streep, compare più raramente. La regista, Sarah Gavron, ricrea così un effetto di pathos attorno al personaggio, che si sprigiona in tutta la sua forza nelle scene cruciali del film.

Il tema che viene messo in scena ha segnato la storia delle donne per sempre e sarà sicuramente occasione di riflessione sui cambiamenti e le conquiste ottenute fino ad oggi grazie a persone come Emmeline Pankhurst e Maud Watts.

iPhone 6S e 6S Plus Uscita

iPhone 6S e 6S Plus Italia: finalmente è arrivato negli Apple Store

il segreto, dowton abbey, il segreto e dowton abbey, triennale di milano,

Il Segreto e Downton Abbey sbarcano in Triennale: serie tv a confronto