in

Sulmona, Giostra Cavalleresca: dame, cavalieri e duelli

A Sulmona come ogni anno torna la giostra cavalleresca, si tratta di una rievocazione storica che avviene l’ultimo week end di luglio. Sulmona fa un passo nel passato tra dame, cavalieri e duelli. Non c’è comunque da temere, non ci sarà un vero spargimento di sangue.

sulmona giostra cavalleresca

Le origini della giostra di Sulmona

Questo sabato, 27 luglio 2019, ritorna la giostra cavalleresca di Sulmona. Ogni anno dal 1995 è stata riproposta questa rievocazione storica. La giostra cavalleresca avveniva in epoca rinascimentale due volte l’anno, in aprile e ferragosto. Cosa avveniva? In poche parole consisteva in tre assalti alla lancia, portati contro un bersaglio umano da un cavaliere munito di una lancia con vernice bianca sulla punta. Il punteggio era assegnato da un “Mastrogiurato”.

Ovviamente la rievocazione non prevede nessuna perdita di sangue. La Giostra Cavalleresca in versione moderna è stata strutturata e realizzata su iniziativa di un gruppo di cittadini sulmonesi, guidati dal Prof. Gildo Di Marco, su base di assoluto volontariato senza scopi di lucro e con l’aiuto dell’”Ente Palio del Niballo” della Città di Faenza. Vede la partecipazione dei Quattro Sestieri e dei Tre Borghi in cui è stato suddiviso il territorio cittadino, che si affrontano in singolar tenzone in piazza Garibaldi dove viene realizzato il Campo di Gara.

sulmona giostra cavalleresca

leggi anche: Meteo weekend, dal caldo africano alla grandine: le previsioni aggiornate

Come si svolge?

La rievocazione si svolge in due giornate: sabato e domenica.  Ogni cavaliere si scontra con altri quattro cavalieri per un totale di 14 scontri, alla fine dei quali i primi quattro classificati si scontrano in due semifinali e poi nella finale per la conquista del Palio. Il campo di gara è realizzato ogni anno portando sul plateatico di Piazza Maggiore circa 2000 m³ fra terra grezza e sabbia fine, che opportunamente sistemate formano la pista di percorrenza per i cavalli in gara.  I cavalli gareggiano percorrendo un ovale completo e quindi un otto, in circa 30 secondi, durante il quale devono infilare gli anelli sistemati sulle tre sagome-bersaglio che incontrano sul loro percorso completo.

La giostra cavalleresca è sempre preceduta da un bellissimo corteo storico, a cui prendono parte circa 500 figuranti. La tradizione vuole l’ordine di sfilata dei Sestieri e dei Borghi all’inverso rispetto alla classifica ottenuta nell’edizione precedente, quindi si sfila per primi se si è arrivati ultimi e viceversa.

Libia, naufragio al largo delle coste: oltre 150 le vittime

Benedetta Mazza Instagram: seno XL ‘ballerino’ fuoriesce dalla scollatura vertiginosa, curve da sballo! (FOTO)