in ,

Super pensioni 2013, lo stato spende 13 miliardi l’anno: la classifica

In questo bollente mese di agosto, quando molti restano a casa per via delle ristrettezze economiche, tanti si godono i luoghi di vacanza più affascinanti ma soprattutto più costosi, c’è chi può e chi non può, ma loro di certo possono.
vendere oro


Il libro paga delle pensioni d’oro è stato riaperto dopo una interrogazione in commissione Lavoro della Camera, di Deborah Bergamini de Pdl. Le polemiche hanno così spazzato via lo strato di polvere che rivestiva il documento.

A Mauro Sentinelli il primato per la pensione più alta erogata dall’Inps, che ammonta a 91 mila 337,18 euro lordi “mensili”. Santinelli è un ex manager e ingegnere elettronico della Telecom, guadagna circa 3.008 euro al giorno, ma oltre a questi soldi di sommano i gettoni di presenza che percepisce come membro del consiglio di amministrazione di Telecom e presidente del consiglio d’amministrazione di Enertel Servizi Srl. E’ stato anche l’ideatore del servizio prepagato Tim Card, che ha fatto fruttare negli anni milioni di euro alla sua azienda.

Per quanto riguarda il titolare del secondo posto, con 66.436,88 euro il nome non è stato svelato, mentre al terzo posto con circa 51.781 euro c’è Mauro Gambaro, ex direttore generale di Interbanca e di Inter Football Club, oggi advisor specializzato nel corporate finance e presidente del cda di Mittel management srl.

L’ex di Infostrada e Telecom, Alberto De Petris porta a casa circa 51 mila euro al mese, e poco sotto c’è Germano Fanelli, fondatore della Octotelematics, dove solo nel 2010 accumulava dieci incarichi differenti. Dal quinto posto al decimo le pensioni si aggirano sui 40 mila euro. La Bergamini ha poi commentato dicendo: “Questi numeri dimostrano tutta la portata distorsiva di quel criterio retributivo dal quale ci stiamo fortunatamente allontanando grazie alle riforme pensionistiche degli ultimi anni. Benché gli interventi in materia siano particolarmente delicati, anche sul fronte della costituzionalità, e avendo cura di evitare qualsiasi colpevolizzazione verso i beneficiari di questi trattamenti, che li hanno maturati secondo le regole vigenti, è evidente che il tema coinvolge una questione di equità e di coesione sociale non più trascurabile dalle istituzioni, specialmente in un momento di grave crisi economica e di pesanti sacrifici per tutti”.

Per dare un fermo ed un tetto massimo alle super-pensioni statali bisognerebbe cambiare la Costituzione, è ciò che ha detto il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, dato che in passato quando si è provato a fissare un contributo di solidarietà, i governi si sono insabbiati nella Corte Costituzionale e col principio dei diritti acquisiti.

Seguici sul nostro canale Telegram

Insulti razzisti: Iannini squalificato per dieci giornate di campionato

thor-the-dark-world

Doctor Who Sfida Thor in The Dark World: ecco il Trailer Italiano