in

SuperMilano Days 2016: eventi per scoprire ville, cascine, chiese e musei ‘fuori porta’

Mai sentito parlare dei “SuperMilano Days”? Dal 30 aprile all’8 maggio 2016 tornano ad aprire al pubblico tanti luoghi dell’arte e della cultura in diciassette Comuni a nord di Milano e in tre Comuni della di Provincia Monza e Brianza.

Grazie a 200 studenti volontari degli istituti superiori del territorio, diventati per l’occasione apprendisti ciceroni, sarà possibile conoscere più da vicino tanti gioielli storici e naturalistici: dalle chiese alle ville, dalle cascine ai musei. Siete pronti alla scoperta? Domani – sabato 30 aprile – la Scienza scende in Piazza a Bollate, mentre in serata la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo sarà animata da un’allegra rassegna corale; il giorno successivo, si potrà visitare il Polo Museale di Cascina Favaglie San Rocco, a Cornaredo, la Chiesetta della Madonna dei Lavoratori a Solaro, o ancora immergersi nel rigoglio primaverile del bosco di Vanzago.

SCOPRI TUTTE LE PROPOSTE PER IL PRIMO MAGGIO SU URBAN POST!

Eventi in programma a Cornaredo in occasione della Festa del Pane e a Settimo Milanese, dove a fare da cornice alla Festa del 1° maggio ci saranno mostre, giochi e laboratori per bambini.
Se volete coniugare turismo e cultura, date un’occhiata al programma degli appuntamenti, completo di date, orari ed eventuali tariffe: siamo certi che troverete l’occasione che fa al caso vostro!

In apertura: foto tratta dalla pagina Facebook ufficiale “Supermilano Nordovest”

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Festival Oriente 7 motivi per visitarlo

Festival dell’Oriente Roma 2016: 7 motivi per visitarlo, il programma è spettacolare

Venezuela lavoro settimanale di due giorni

Venezuela, dipendenti pubblici lavorano 2 giorni a settimana: ecco il perché