in

Svezia: ecco che cosa succede quando si lavora 6 ore al giorno anziché 8

Forse molti di voi sapranno che in Svezia già da diversi mesi sono numerose le realtà aziendali che stanno facendo sperimentare ai propri dipendenti ritmi lavorativi più umani, avendo portato l’orario giornaliero di lavoro a 6 ore. Obiettivo? Salvaguardare il benessere fisico e mentale dei lavoratori, migliorandone la qualità di vita, e al tempo stesso incrementare la produttività dell’azienda.

Possibile? A quanto pare sembra proprio di sì. A dare il “la” a questa grande rivoluzione sociale è stata l’amministrazione pubblica di Göteborg, che fin dall’aprile 2014 ha voluto ridurre il monte ore giornaliero dei dipendenti, migliorandone sensibilmente la qualità di vita. Ma i casi di successo non si esauriscono qui: secondo quanto riportato da Leonardo.it, alla Toyota di Goteborg i dipendenti sono molto più soddisfatti, il tasso di turnover si è ridotto e parallelamente i profitti sono cresciuti del 25%. Anche in una casa di cura – il centro Svartedalens – è stata sperimentata la formula, migliorando la vita tanto del personale quanto dei pazienti: la contromisura necessaria è stata l’assunzione di 14 persone in più, ma pare proprio che ne sia valsa la pena.

Quanto costano 2 ore in più di libertà al giorno? Molto, se si considera il tempo che viene sottratto alla famiglia e ai propri hobby. Per non parlare della bassa produttività dovuta alla difficoltà di concentrarsi per 8 ore consecutive, come sottolineato da Linus Felds, amministratore delegato di Filimundus, società che opera nelle applicazioni mobile. Dove da oltre un anno si lavora 6 ore al giorno, ma senza che sia consentito nessun tipo di distrazione da social network.

In apertura foto di Maridav/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Offerte di lavoro per Capodanno 2016

Offerte di lavoro Capodanno 2016: tante occasioni nella ristorazione

Mary Kate Olsen si è sposata

Mary Kate Olsen si è sposata in segreto: il marito è il fratellastro di Nicolas Sarkozy