in ,

Svezzamento neonato, regole semplici per mamme alle prime armi

Dopo il parto e i primi mesi alle prese con allattamento e pianti notturni, lo svezzamento del bambino è una sfida non di poco conto per le neo mamme. Sostituire il latte materno o in polvere a pappe e cibi “da grandi” non è infatti una cosa semplice, soprattutto per le mamme che vivono questo momento per la prima volta nella loro vita. Come svezzare il proprio bambino, quindi, senza troppi problemi? Ecco qualche utile consiglio…

Innanzitutto, lo svezzamento ha inizio a partire dal sesto mese di età del bambino. Il neonato deve poi essere in piena salute, secondo gli ultimi controlli medici. Mai fare di testa propria: è infatti importantissimo seguire le indicazioni del pediatra o del nutrizionista di fiducia, evitando di introdurre alimenti che non siano espressamente inseriti nello svezzamento pianificato. Mai prediligire un solo alimento: è infatti molto importante educare il bambino a gusti diversi.

L’errore più diffuso è quello di forzare il bambino a mangiare determinati alimenti. E’ infatti fondamentare non insistere, il che non significa demordere ma riprovare pazientemente nei giorni successivi. Piccole quantità agli inizi, progressivamente aumentate, e un alimento per volta sono alla base di un buono svezzamento. In particolare, l’introduzione di un nuovo alimento a distanza di giorni permette di verificare che il piccolo non sia allergico e, se lo è, di individuare l’alimento responsabile.

Photo credit: Maria Sbytova/Shutterstock

Seguici sul nostro canale Telegram

abiti da cerimonia 2015 accessori

Abiti da cerimonia 2015: il fashinator accessorio glamour per look basic, ecco cos’è e come sfoggiarlo

Ponte 2 giugno 2015 Rimini Wellness

Ponte 2 giugno 2015 a Rimini: offerte last minute ed eventi nella Riviera Romagnola