in ,

Sylvester Stallone accusato di stupro a una 16enne negli anni ’80, lui replica: “Accuse ridicole”

Sylvester Stallone accusato di stupro: anche il mitico ‘Rocky Balboa’ finisce dunque nel vortice che da settimane ormai sta colpendo personaggi molto noti del cinema e dello spettacolo internazionale. Secondo una notizia che gira da queste ore, infatti, il Rambo del cinema avrebbe abusato sessualmente di una 16enne nel lontano 1986.

La star di Hollywod ha seccamente respinto le accuse liquidandole come “ridicole”. La donna che lo accusa ha sostenuto che, negli Anni 80 a Las Vegas, quando aveva 16 anni, Stallone la avrebbe costretta a un rapporto sessuale a tre, con lui e quella che all’epoca era la sua guardia del corpo, Michael De Luca. “E’ una storia ridicola e categoricamente falsa”, questo il commento del portavoce dell’attore. A riportare la vicenda è il Daily Mail, che scrive di aver preso visione del rapporto di polizia con le dichiarazioni della vittima allora minorenne, che alla fine però decise di non sporgere formale denuncia perché “spaventata e intimidita”. L’episodio, secondo quanto sta trapelando, sarebbe avvenuto in un grande albergo di Las Vegas, dove Stallone, al tempo 40enne, si trovava per le riprese del film Over the top.

Potrebbe interessarti anche —> Totò Riina è morto: il Boss di Cosa Nostra era in coma da giorni

La ragazzina stava soggiornando nella medesima struttura con la famiglia, un Hilton di Las Vegas, quando nella hall riconobbe Sylvester Stallone e gli chiese un autografo. Nei giorni successivi l’attore, senza chiederle l’età, l’avrebbe invitata nella sua camera dove la giovane avrebbe avuto prima un rapporto sessuale consenziente con l’attore, poi sarebbe stata costretta ad alcuni rapporti orali con la guardia del corpo dell’attore, allora 27enne. De Luca è morto nel 2013, ucciso durante un controllo della polizia.

Stallone per intimidire la 16enne l’avrebbe minacciata – dettagli questi che secondo il Daily Mail si evincerebbero dal succitato rapporto della polizia – per indurla a non parlare. “Non mi sentivo affatto a mio agio ma non avevo scelta”, dichiarò all’epoca la giovane. Nel 1987 Sylvester Stallone fu coinvolto in un altro caso di presunte molestie sessuali: allora fu la sorellastra Toni-Ann Filiti, morta nel 2012, ad accusarlo di averla violentata per anni. Anche quel caso venne ‘chiuso’ con diversi milioni di dollari alla donna.

Seguici sul nostro canale Telegram

Totò Riina

Totò Riina è morto: il Boss di Cosa Nostra era in coma da giorni

senigallia donna uccisa dal figlio

Senigallia donna uccisa in casa: figlio confessa omicidio