in ,

Tabaccaia uccisa ad Asti, news indagini: Maria Luisa Fassi conosceva l’assassino

Si apprende da fonti Ansa che le indagini sull’omicidio di Maria Luisa Fassi, la tabaccaia di Asti massacrata a coltellate nel suo negozio di corso Volta la mattina del 4 luglio scorso, avrebbero portato gli inquirenti alla convinzione che la vittima conoscesse bene l’assassino.

I carabinieri del Comando provinciale di Asti, coordinati dalla locale Procura, non escludono alcuna pista – benché l’ipotesi di tentata rapina vada scemando sempre di più con il passare dei giorni – ma sono tuttavia propensi a focalizzare la loro attività investigativa nella cerchia di amici e conoscenti della 54enne la cui vita, ad oggi, risulterebbe ‘specchiata’ e senza ombra alcuna.

In attesa che a fine mese si conoscano i risultati degli esami biologici compiuti sul corpo della vittima, le indagini vanno avanti senza sosta e la Procura ha disposto accertamenti patrimoniali e verifiche sui movimenti bancari della famiglia di Maria Luisa Fassi, per approfondire la pista investigativa del movente economico, incentrato sull’ipotesi che la donna sia stata uccisa da qualcuno cui aveva prestato una grossa somma di denaro.

mariah carey

Mariah Carey e la passione sfrenata per le scarpe: il suo armadio conquista le fashion addicted

Startup Italia: AlghItaly, il cibo del futuro presentato ad Expo