in ,

Tagli alle auto blu: la prima sforbiciata entro due mesi

In arrivo per il 2015 una grande sforbiciata per le auto blu: i tagli alle auto blu saranno spalmati nell’arco del prossimo anno con una gradualità che dipenderà dalle dimensioni del parco macchine di ciascuna amministrazione centrale. Lo stabilisce il decreto ministeriale sulle auto blu pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’11 dicembre: il tetto massimo per ogni amministrazione sarà di 5 auto blu e questo risultato dovrà essere raggiunto nei prossimi 2 mesi per gli enti che attualmente hanno a disposizione fino a 50 auto. Per quelle che ne hanno di più, fino a 100, la scadenza è per giugno (o, per le più “ricche”, a fine 2015).

Deroghe saranno previste solo per il premier e per i vertici del Governo: potrà essere “assegnata un’ulteriore autovettura, in uso esclusivo e limitatamente al periodo di durata dell’incarico, al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri“. Nel decreto è precisato che “l’utilizzo delle autovetture di servizio […] sia consentito solo per singoli spostamenti per ragioni di servizio, che non comprendono lo spostamento tra abitazione e luogo di lavoro in relazione al normale orario di ufficio“.

Occorre accertare che siano realmente utilizzate per esigenze di servizio e non per soddisfare bisogni privati e personali di politici, dirigenti e dei loro familiari” avverte però il presidente del Codacons Carlo Rienzi, che ricorda come le auto di servizio delle p.a. comportino anche un costo per la collettività pari a circa 1 miliardo di euro l’anno (secondo i dati aggiornati ad agosto 2014 tra auto blu e grigie si arriverebbe a 54.571 vetture, un numero abnorme nonostante i tagli degli ultimi anni).

Virna Lisi lutto mondo cinema vita e film

Virna Lisi, la carriera: la vita e i film della signora del cinema italiano (VIDEO)

il ricordo e l'omaggio dei vip italiani

Virna Lisi morta: il ricordo di Jerry Calà, Simona Ventura e i vip italiani