in

Tanina uccisa a Fiumicino: personal trainer confessa delitto e si costituisce

Tanina Momilia uccisa a Fiumicino: personal trainer confessa delitto e si costituisce. Clamorosa svolta nel caso della 39enne, sposata e madre di due figli adolescenti, scomparsa domenica scorsa dopo avere fatto una lezione di judo in palestra e trovata cadavere l’indomani nell’acqua di un canale di scarico. Nonostante la palestra di domenica sia chiusa al pubblico, quella mattina l’istruttore aveva aperto per lei la palestra; i due si sono visti all’interno della struttura per svolgere una lezione di difesa personale.

Il personal trainer di Tanina ha confessato l’omicidio 

L’uomo da ieri era indagato a piede libero per l’omicidio. Andrea De Filippis, 56enne ex poliziotto e attualmente istruttore di karate presso la palestra frequentata da Tanina, sita a pochi metri dalla sua abitazione, si è costituito poco fa ed ha confessato l’omicidio della donna. L’atleta si è recato dai carabinieri poco fa per fornire la sua verità. “Il mio assistito è pronto a prendersi le sue responsabilità”, ha dichiarato il legale.

Tanina soffocata con un sacchetto di plastica

Sta iniziando l’interrogatorio nel quale ci si aspetta che l’istruttore spieghi la dinamica e il movente del delitto. Ad inchiodarlo delle tracce della vittima sul tatami in cui proprio domenica si era allenata insieme a lui. La borsetta e il cellulare della 39 enne – il cui ultimo accesso su Whats App risale alle ore 10:00 di domenica – non sono stati ritrovati. Secondo le prime risultanze autoptiche, la donna sarebbe stata soffocata. Sulla sua testa è stata riscontrata una profonda ferita. (Seguiranno accertamenti)

Potrebbe interessarti anche: Tanina uccisa a Fiumicino: in palestra “traccia interessante” per risolvere il giallo

Gessica Lattuca scomparsa a Favara news: c’è ancora l’ex compagno nel mirino degli investigatori

Fingono di essere padre e figlia, ma sono amanti: l’incredibile storia di Maria e Bernard