in

Tanti auguri Game Boy: 25 anni

Per giocare a qualche videogame ogni bambino, o meglio, tutti, anche gli over 60, possono sbizzarrirsi tra tablet e smartphone, Play di qua e Wii di là, ma 25 anni fa non funzionava così. Non si poteva giocare ovunque, ma solo chi aveva la console portatile poteva farlo anche in spiaggia comodamente steso sul lettino all’ombra, perfino in bagno (il bagno chiaramente era l’unico a casa e tutti volevano usarlo in quel momento).

Tetris come gioco del Game Boy

1989 il Game Boy nasce in Giappone e si diffonde negli altri stati negli anni successivi, grigio con la croce nera e i due tastini A e B porpora, mentre la lucina Battery era verde o rossa a seconda se fosse carico o meno. Dopo la prima versione ne sono arrivati tanti altri: Game Boy Pocket, Game Boy Light, Game Boy Color, Game Boy Advance e Game Boy Advance SP. Lo stop al nome Game Boy è arrivato nel 2004, con il Nintendo DS. La console, più evoluta per tecnologia, ricorda solo vagamente il suo antenato Grigione.

Chi ha avuto il primo Game Boy, quello originale, ha avuto anche Tetris e ci ha passato tantissime ore insieme. Chi ci ha giocato non può che fare almeno gli auguri a questa console.

FC Barcelona facebook

Barcellona: la Fifa riapre il mercato del club catalano

Mercato, Juventus: non solo Sanchez, i bianconeri vogliono anche David Villa